Barzin

To Live Alone In That Long Summer

2014 (Ghost) | slow-folk

Mentre Mark Kozelek fa la voce grossa, pubblicando un disco dopo l’altro e diventando ormai l’icona del momento, ci piace parlare di un cantautore che ne ha saputo interpretare l’anima più pacificamente malinconica, quella che si manifesta nei pensieri annebbiati dall’afa di un’estate “passata da soli”.
Uno skyline avvolto nella foschia sembra così rappresentare l’insieme, remoto e imprendibile, delle vicende umane, quelle conosciute e tutte le altre, mentre la mente si crogiola in rimembranze edulcorate dalla solitudine, in una passeggiata casuale per una città deserta (suggestiva la progressione di "In The Morning").

È questo il mirabile quadro in cui il nuovo disco del canadese Barzin si ambienta, dopo lo strappacuore “Notes To An Absent Lover”, con un abito vagamente meno romantico ma appunto più urbano, quel tipo di disco di letteratura di emozioni e apatia che Ben Gibbard potrebbe immaginare, senza metterlo in pratica.
Ci riesce invece il caro Barzin, trasportando quel suo inconfondibile, esalato “girls”, sulla punta di una slide, in “It’s Hard To Love Blindly” e nell'affranto arrangiamento di "You Were Made For All This", azzeccando in “All The While” un’apertura degna di un “April”, ma senza la consacrazione di Pitchfork; dissolvendo per il tramonto sull’Hudson le parole perdute di “Stealing Beauty”.

Coadiuvato dalle voci migliori della scena cantautorale canadese (Tony Dekker e Tamara Lindeman aka The Weather Station), Barzin realizza così un seguito naturale di “Notes To An Absent Lover”, donandogli un’ambientazione meno claustrofobicamente romantica e affettata, pur ricalcando diverse soluzioni a livello compositivo. Un bell’affresco di solitudine affettiva metropolitana.

(06/02/2014)



  • Tracklist
  1. All The While
  2. Without Your Light
  3. In The Dark You Can Love This Place
  4. Stealing Beauty
  5. Fake It ‘Til You Make It
  6. In The Morning
  7. You Were Made For All Of This
  8. Lazy Summer
  9. It’s Hard To Love Blindly
Barzin su OndaRock
Recensioni

BARZIN

Notes To An Absent Lover

(2009 - Monotreme)
Un diario fitto di ricordi segna l'ulteriore maturazione cantautorale dell'artista canadese

BARZIN

My Life In Rooms

(2006 - Weewerk / Monotreme)

Barzin on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.