Seirom

And the Light Swallowed Everything

2014 (Burning World) | ambient-shoegaze, post-rock, cosmica

Un senso di pace infinita filtra attraverso le sinfonie cosmiche dai delicati tratti post-rock di questo nuovo lavoro a nome Seirom, uno dei tanti progetti dell’infaticabile Maurice De Jong. Pace infinita, insomma. Il che, lo ammetto, detto della musica del Nostro potrebbe fare uno strano effetto. Tuttavia, già nei precedenti episodi non erano mancate sonorità lontane dalle turpi visioni che solitamente si associano alla musica dell’artista olandese.

In ogni caso, “And the Light Swallowed Everything” rappresenta davvero un passo decisivo in direzione di un suono etereo, dilatatissimo, trasportato in orbita, all’occorrenza (ascoltare, per credere, la tenera “I'm So Glad To Have Been A Part Of You”), anche da vocalizzi trasognati (a cura di Francesca Marongiu, già titolare del progetto Agarttha e metà del duo Architeuthis Rex) che innalzano il tasso di malinconico stupore.
Mentre la doppietta iniziale finisce per incrociare soluzioni vicine anche allo shoegaze più oceanico, increspature più dolorose si ascoltano in “Starshine”, in “The Best You Can Be” (il cui sfondo è occupato da una drum-machine che, detto senza mezzi termini, sembra buttata lì per puro caso…) e nei voli trans-mentali di “Leaving” e “Last Snow On The Mountains”, con tanto di dolente violoncello in coda. Di contro, quando i retaggi black metal si rifanno vivi, il risultato è la trascurabile variante atmosferica di “Exalted”.

Anche dopo aver ascoltato le trame magniloquenti di “What Could Have Been But Never Will Be”, la sensazione di essere ben al di sotto del livello qualitativo del precedente “1973” è molto forte. Ma sono sicuro che, mentre molti dei suoi storici fan resteranno delusi, con questo lavoro De Jong finirà per trovare altri seguaci, pronti a seguirlo lungo le traiettorie più disimpegnate di una luce che ingoierà tutto…

(26/05/2014)

  • Tracklist
  1. I Could Not See You Through The Clouds
  2. And The Light Swallowed Everything
  3. I'm So Glad To Have Been A Part of You
  4. Starshine
  5. The Best You Can Be
  6. Leaving
  7. Exalted
  8. Last Snow On The Mountains
  9. What Could Have Been But Never Will Be
Seirom su OndaRock
Recensioni

SEIROM

1973

(2012 - Aurora Borealis)
Maurice De Jong allontana i suoi incubi per un disco fatto di malinconico stupore

SEIROM

Seiromistkrieg

(2011 - Autoprodotto)
Una nuova incarnazione di Mr. Maurice De Jong

Seirom on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.