Won James Won

Spit Holes (4 Eyes of UDO)

2015 (autoprodotto) | experimental, electro-rock

Nuovo dispaccio dalla madre Russia, direttamente dal quartier generale dei Won James Won.
Anche se per Tikhon "Hee-Haw" Kubov & co. il periodo migliore sembra essere sempre più un ricordo, ogni sua uscita lascia sempre sperare in qualche colpo di coda capace di ridestare dal sonno gli splendori art-rock che tanto ci esaltarono in tempi non sospetti. Purtroppo, però, il periodo poco ispirato continua con questo Ep che, dopo la sinistra farneticazione di “Great Massacra Of Splendoramus”, si getta a capofitto dentro la sovraeccitata electro di “Manly Mandy”, alternando, quindi, miraggi spaziali e machismo dj (“Das Pedal”, “First Harmony”), divertissement in forma di videogame music (“Putin vs. Putin = Friendship WON”) e dronica magniloquenza (“Zemblantida (Allesh ist Gott)”.

Qualche punticino in più meritano, invece, una “Nanny The Destroyer” che assomiglia a uno strano incrocio tra Foetus e gli incantesimi classicheggianti dei These New Puritans, e il trip-hop in forma di cerimoniale avveniristico di “Неспокоид”.
In coda, “Gulag Wedding” la mette sul piano della malinconica grandeur, ripescando probabilmente dal cesto delle outtakes di “Voinja Vezumija”.  

A questo punto, la cosa migliore da fare è prendersi un po’ di riposo, per ricaricare a dovere le batterie.

(23/03/2015)

  • Tracklist
  1. The Great Massacra of Splendoramus
  2. Manly Mandy (WJW vs. Fudger)     
  3. Das Pedal     
  4. Fist Harmony
  5. Nanny the Destroyer
  6. Putin vs. Putin = Friendship WON     
  7. Неспокоид
  8. Zemblantida (Allesh ist Gott)     
  9. Gulag Wedding

Won James Won su OndaRock
Recensioni

WON JAMES WON

The Drisneyland Chronicles Vol.II: Evil

(2015 - autoprodotto)
Secondo live per il collettivo russo, nel solco di una sperimentazione rock a 360°

WON JAMES WON

Red Wedming

(2014 - R.a.i.g.)
L'inafferrabile duo russo ritorna con un concept sulla psico-violenza

WON JAMES WON

Voinja Vezumija

(2013 - R.A.I.G.)
Una "dramaturgic magna-opus" per il ritorno della formazione russa

WON JAMES WON

Genshtab Desbot

(2012 - autoprodotto)
Ancora un Ep per il duo russo, tra sperimentazione informale e collage-music

WON JAMES WON

Homeostat

(2011 - Accessory Takes)
La compagine russa torna con un Ep di cinque brani, aspettando il prossimo disco

WON JAMES WON

Corpus Unhearmeticum

(2010 - R. A. I. G.)
Nuovi pandemoni post-moderni per i terroristi sonici russi

WON JAMES WON

Les 120 Minuetes de Sadomasonodoraemono cuporamenosodom

(2009 - R. A. I. G.)
Raccolta di outtake e registrazioni dal vivo per il folle collettivo russo

WON JAMES WON

Theorist Attack

(2006 - R. A. I. G.)
Il demoniaco "montaggio delle attrazioni" nel capolavoro della band russa, targato 2006 ..

WON JAMES WON

Theorist Attack

(2006 - R. A. I. G.)

Won James Won on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.