Ben Seretan

Youth Pastoral

2020 (Whatever's Clever) | alt-folk-rock

Il passo dal fragore chitarristico dell’esordio all’apparente normalizzazione di “Bowl Of Plums” ha messo in evidenza la fragilità non solo emotiva ma anche intellettuale di Ben Seretan, un insieme di tribolazioni e riflessioni che hanno affascinato non poco i cultori nostrani del cantautorato contemporaneo. Chi, spinto dalla curiosità, ha investigato il profilo musicale del musicista newyorkese si è trovato al cospetto di una cospicua mole produttiva, molto più variegata ed elaborata di quella racchiusa nei tre album ufficiali (incluso quest’ultimo “Youth Pastoral”).

Ed è in questa complessa, e a volte istintiva, genesi creativa, che trova linfa l’estrema libertà espressiva di Ben Seretan: le cadenze gospel-blues, la tensione elettrica alla Dinosaur Jr e la sferzante malinconia alla Neil Young sono solo aspetti estetici di una musicalità ben più eterogenea e ricercata.
L’elemento critico dal quale si sviluppa “Youth Pastoral” è il rapporto con la religione, domanda alla quale nessuna indagine sul web riesce a dare una risposta. Seretan non offre soluzioni, ma solo la consapevolezza della propria spiritualità.
I sette minuti e mezzo di “Am I Doing Right By You?” sono la perfetta sintesi di questo nuovo capitolo discografico: spirito e materia si avvicendano, cosi come poesia e furore sonoro, un’alternanza emotiva che precipita nel trambusto finale, dal quale si eleva la voce di Seretan che invoca “Oh My God”, mantra liberatorio o forse ennesima richiesta di risposte.

“Youth Pastoral” non è il primo né l’ultimo disco che affonda la sua ragion d’essere nel misticismo, ma senza dubbio il collante spirituale di queste nove tracce è una musica dal forte impatto emotivo, doloroso quanto basta per essere sincero (“Call Out Your Name”), viscerale senza essere mai forzatamente violento (“Holding Up The Sun”), perfino elementare nella sua toccante poetica (“Endless Bounty”).
Una scrittura nervosa e uno stile vocale aspro e vibrante offrono uno spaccato emotivo disarmante, la musica di Seretan appare ancor più fragile e vulnerabile, ogni canzone sembra essere sul punto di esplodere e frantumarsi, ma è solo un gioco di spazi armonici che si aprono e chiudono, restando abilmente inclusi in un formato canzone a tratti perfino sentimentale (“Power Zone”).
Seretan è riuscito a mettere insieme l’energia post-rock delle prime esperienze con i Duchampion, con le sperimentazioni elaborate nell’intrigante “My Life’s Work “: ventiquattro ore di elaborazioni strumentali e field recording rilasciate nel 2018.

“Straight Line”, “Shadow”, “Bowing Cypress” “1 Of”, ovvero i titoli ancora non citati in questa recensione, sono solo ulteriori frutti di questa continua esplorazione dell’anima, canzoni crepuscolari, nebulose, alcune condivise con la scultrice e cantante Devra Freelander, la cui prematura morte rende “Youth Pastoral” ancora più intenso e dolente.

(21/03/2020)



  • Tracklist
  1. 1 Of
  2. Power Zone
  3. Holding Up The Sun
  4. Straight Line
  5. Am I Doing Right By You?
  6. Shadow
  7. Call Out Your Name
  8. Endless Bounty
  9. Bowing Cypress




Ben Seretan su OndaRock
Recensioni

BEN SERETAN

Bowl Of Plums

(2016 - Love Boat)
La conferma dello sghembo cantautore di Brooklyn, adottato in Italia

News
Ben Seretan on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.