Wire

Send

2003 (Pink Flag) | alt-rock

Sono rientrati in scena nei mesi scorsi in maniera prepotente, senza tante parole o fronzoli: la musica parlava da sola. I Wire vanno a riprendersi lo spazio che appartiene loro nel territorio post-punk con una forza tale da lasciare tanti giovani e arroganti emuli con pochi argomenti con cui ribattere. D'altronde c'è poco da obiettare, già i due Ep "Read And Burn" erano dei cristallini e inscalfibili mattoni di punk sposato con l'elettronica, e ciò che colpiva era l'evidente chiarezza di intenti e scelte musicali.

Quest'album "Send" raccoglie i molti brani presenti nei due Ep (ma ricordiamo che il secondo era acquistabile solo dal loro sito internet), e quattro inediti, che come qualità e scelte estetiche sono sulla falsariga dei pezzi già noti. Il primo inedito che affrontiamo, dopo l'iniziale "In The Art Of Stopping", che apriva già il primo "Read And Burn", è “Mr Marx's Table”, un gioiello di tensione che si accumula senza liberarsi completamente del fardello, con un ritmo che si conferma serrato e un'atmosfera che ricorda in parte l'alienazione di "154". La cifra stilistica è questa e accompagna tutto l'album, con dei picchi clamorosi nella fase centrale, dove veniamo investiti da pezzi come "Comet", "Nice Streets Above", "Spent", inesorabili esempi di cyber-punk che sconfinano in territorio Ministry. Le chitarre sparano riff ipersaturati, il ritmo è secco, marziale, spesso lanciato a tutta velocità, condito da un’elettronica che si esprime tramite una zuppa di droni, vapori industriali e atmosfere plumbee. Le voci di Newman e Gilbert si alternano, con esiti che sfociano spesso in frasi secche e rabbiose, filtrate ed elaborate in maniera da fondersi giustamente nel muro sonoro.

La bravura dei Wire è soprattutto nell'aver saputo rendere tutti questi elementi funzionali alla resa della loro volontà stilistica, senza che uno di essi prevalesse sull'altro. Chiude l'album la splendida "99.9", che inizia in maniera cupa e minacciosa con un sordo pulsare di basso e synth, scalfito da echi di distorsioni e droni elettronici, ma si dispiega con un accumularsi di rabbia vocale e musicale intensissima. Chiudere un disco con un pezzo così è eloquente: i Wire non fanno sconti a se stessi e si rimettono in gioco in maniera onesta e coraggiosa, in pratica ripartendo come attitudine dal loro esordio del 1977, il mitico "Pink Flag", una scelta programmatica grazie alla quale tengono in pugno le idee che hanno perseguito nel corso degli anni. Un pugno che butta al tappeto e fa mangiare la polvere a tanti gruppi ben più giovani anagraficamente. Chapeau.

(30/10/2006)

  • Tracklist

1 In The Art Of Stopping
2 Mr Marx'S Table
3 Being Watched
4 Comet
5 The Agfers Of Kodack
6 Nice Streets Above
7 Spent
8 Read And Burn
9 You Can'T Leave Me
10 Half Eaten
11 99.9

Wire su OndaRock
Recensioni

WIRE

Silver/Lead

(2017 - Pink Flag)
La band inglese celebra i suoi primi quaranta anni di attività discografica

WIRE

Nocturnal Koreans

(2016 - Pink Flag)
Otto nuovi brani tra ritmi kraut-pop, vortici chitarristici e minimalismi vellutati

WIRE

Wire

(2015 - Pink Flag)
Giunti al quattordicesimo album, i pionieri del post-punk inglese hanno ancora molte cose da dire

WIRE

Change Becomes Us

(2013 - Pink Flag)
I pionieri del post-punk reincidono materiale inedito da session di fine anni 70

WIRE

Red Barked Tree

(2011 - Pink Flag)
Il ritorno della band monumento del post-punk inglese non disdegna sferzate noise e digressioni ..

WIRE

Object 47

(2008 - Pink Flag)
Colin Newman & C. alle prese con il loro lavoro n.47

WIRE

Read & Burn 03

(2007 - Pink Flag)
Terzo capitolo per il progetto avviato da Colin Newman e compagni

WIRE

154

(1979 - Automatic)
Il trapasso dallo "schema" punk a un suono altresì frastornato e decadente, ma con impensabili ..

News
Live Report


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.