Lambchop

Aw C'Mon / No You C'Mon

2004 (CitySlang) | folkpop

Stavolta tocca ai Lambchop. Astenersi recensori in vena di evoluzioni retoriche, astenersi involuti soliloqui, basta voli pindarici, basta tristezze sottotraccia, astenersi elucubrazioni sofistiche. Astenersi perditempo.

Due cd, venduti separatamente o in coppia con 24 canzoni nuove nuove, di cui sei strumentali, due cd in cui Kurt Wagner, il nostro eroe, fa girare a pieno regime tutte le dinamiche melodiche di cui dispone. Due cd di spesso malinconica musica pop, perché di questo stiamo parlando, nel senso più artigianale e nobile del termine. Canzoni pop. Pop da "popular". Sedersi con il proprio strumento e cercare l'accordo, la melodia, il passaggio che colpisca, l'intonazione e l'arrangiamento giusto. Provare e riprovare, le dita cercano le corde e i tasti, trovare. Come nelle botteghe artigiane. Questa è l'essenza della musica. Questo è l'essenza di "popular".

Ventiquattro pezzi pop, spesso sorretti da un orchestra mai rutilante ma sufficente per lambire, complice anche la voce profonda di Kurt, i territori del sinfo-soul. Ecco a volte viene in mente Isaac Hayes con meno viagra o un Barry White molto meno danzereccio (anche se gli strumentali all'inizio dei due cd ricordano molto la Love Unlimited Orchestra del povero Barry), qualche pezzo è in odore di Lloyd Cole ("About My Lighter"). Oppure Burt Bacharach. Ecco l'ho detto. Wagner non è (ancora?) Bacharach, d'accordo, ma a volte contano anche le intenzioni, e comunque la stoffa è quella.

I due cd sono abbastanza omogenei anche se "No You C'Mon" contiene alcuni pezzi tirati ("Nothing Adventurous Please" su tutti), di impostazione quasi indie-rock, ma abbastanza avulsi dal contesto, e presenta una maggiore differenziazione delle atmosfere, quasi completamente dedicate in "Aw C'Mon", cd da me nettamente preferito, a un canzone romantica, struggente, molto cool, sovrarrangiata, sofisticata, con Wagner che sfiora spesso addirittura un'impostazione da crooner ("Women Help To Create...", "Listen").

Non vi sarà difficile riconoscere la purezza di pezzi come "For Pounds In Two Days", "Steve McQueen", "Something Goin On", "There's Still Time", "Listen", "Nothing But A Blur From A Bullett Rain", solo per citarne alcuni, pezzi sorretti da solida melodia e da archi di lirico estetismo.

Certo non è tutto oro, alcuni strumentali sono un po' incolori, le poche volte che si sfoderano le chitarre i risultati non sono esaltanti, e ci si potrà infastidire di una certa monotonia d'atmosfera. Ma se avete un cuore, ascoltate "I Haven't Heard A Word I've Said" per poi passare ai restanti 23 brani, e converrete con me che esiste una bellezza nella musica, anche se "popular", che non necessita di alcuna sovrastruttura linguistica o culturale. Basta sedersi, quietare l'animo e i pensieri, e ascoltare. Ma si era detto astenersi perditempo quindi la recensione finisce qui.

(19/12/2006)

  • Tracklist
  1. Being Tyler
  2. Four Pounds In Two Days
  3. Steve Mcqueen
  4. Lone Official
  5. Something's Going On
  6. Nothing But A Blur From A Bullet Train
  7. Each Time I Bring It Up It Seems To Bring You Down
  8. Timothy B Schmidt
  9. Women Help Create The Kind Of Men They Despise
  10. I Hate Candy
  11. I Haven't Heard A Word I've Said
  12. Action Figure
  13. Sunrise
  14. Low Ambition
  15. There's Still Time
  16. Nothing Adventurous Please
  17. Problem
  18. Shang A Dang Dang
  19. About My Lighter
  20. Under A Dream Of A Lie
  21. Jan 24
  22. Gusher
  23. Listen
  24. Producer
Lambchop su OndaRock
Recensioni

LAMBCHOP

This (Is What I Wanted To Tell You)

(2019 - Merge)
Kurt Wagner spinge coraggiosamente oltre il nuovo corso inaugurato da "FLOTUS"

LAMBCHOP

FLOTUS

(2016 - Merge)
La nuova mossa della band di Kurt Wagner, tra sorprese e immancabili conferme

LAMBCHOP

Mr. M

(2012 - Merge / City Slang)
L'undicesimo capitolo di Kurt Wagner eásoci Ŕ un altro monolito della loro eterna sinfonia di mellow-country ..

LAMBCHOP

OH ( Ohio )

(2008 - Merge)
Il convincente ritorno della storica band di Nashville ..

LAMBCHOP

Damaged

(2006 - City Slang)
In anteprima il nuovo lavoro della band di Kurt Wagner, in uscita ad agosto

LAMBCHOP

Is A Woman

(2002 - City Slang)

LAMBCHOP

I Hope You're Sitting Down [aka Jack's Tulips]

(1994 - Merge)
Un'orchestra da camera nel Far West: il più puro Lambchop-sound nel debutto di Wagner e soci ..

News
Lambchop on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.