Cannibal Corpse

Kill

2006 (Metal Blade) | brutal-death metal

Rieccoli, i Cannibal Corpse. Diciassette anni di carriera e ancora tanta birra in corpo, anche se i bei tempi sono ormai lontani. Devastanti come sempre, senza compromessi, brutali, ma leggermente più musicali del solito (prendete con le pinze queste mie parole). Disco onesto, suonato come al solito in maniera egregia, “Kill” è inevitabilmente lontano dalle vette di lavori epocali per gli sviluppi del metal più estremo quali “Butchered At Birth” (1991) e “Tomb Of The Mutilated” (1992); lontano da quelle muraglie sonore spaventosamente deflagranti e dannatamente contagiose nella loro frenesia iconoclasta.

I brani si susseguono in rapida successione, sferragliando con impeto maniacale, in un assedio bello e buono che “The Time To Kill Is Now” inaugura con un urlo e un ritmo-mitragliatrice che azzanna la musica come un mastino inferocito la sua preda. “Make Them Suffer” è rotta da scariche adrenaliniche di batteria e le dissonanze si confondono e si disperdono, mentre la voce di George "Corpsegrinder" Fisher duella con la musica, nella solita, esaltante carneficina. In “Murder Worship” c’è spazio, invece, per un feroce headbanging , in mezzo alle terrificanti staffilate d’acciaio della chitarra.

E’ proprio vero: la brutalità è ancora più sinistra quando la tecnica fa la sua parte senza menarsela troppo con seghette mentali (“Necrosadistic Warning”). Così, lavorata con perizia, tra allunghi e tracciati più “meditativi”, “Five Nails Through The Neck” accumula una potenza dal volto quasi “meccanico”, prima di mutare in rullo compressore con la successiva “Purification By Fire”. E’ uno sbattere rovinoso, ossessivo, contro un muro di elettrica disperazione, cui manca giusto qualche cosina per ridestare antichi splendori. Ma bisogna pur accontentarsi, perché chiedere di più sarebbe davvero inopportuno. E’ un lento declino, un rarefarsi dell’ispirazione che non possiamo certo biasimare. O, almeno, non più di tanto.

Il groove fragoroso di “Death Walking Terror”, il martellare cinico di “Barbaric Bludgeonings” o, ancora, quello più ragionato di “The Discipline Of Revenge” dimostrano, tra le altre cose, un approccio più thrashy , squisitamente mixato con sentori death provenienti direttamente dal passato più remoto. E’, insomma, un disco che mantiene ancora alto il vessillo della band di Buffalo, ricercando, forse, in quel suo essere leggermente franto e in quei continui mutamenti di dinamica un avvicinamento a certe soluzioni più moderne. Ci riesce, qualche volta, con buonissimi risultati, ma, forse, con una staticità di fondo che fa sentire, ancora, tutto il suo peso enorme. Certo, questo è un discorso che potrebbe essere applicato alla quasi totalità della loro produzione, eppure, se andate a riascoltarvi i due dischi di cui sopra, scoprirete che le cose, una volta, funzionavano davvero a meraviglia ed anche per gli stomaci più forti c'era da stare costantemente all'erta.

(28/06/2006)

  • Tracklist
  1. The Time To Kill Is Now
  2. Make Them Suffer
  3. Murder Worship
  4. Necrosadistic Warning
  5. Five Nails Through The Neck
  6. Purification By Fire
  7. Death Walking Terror
  8. Barbaric Bludgeonings
  9. The Discipline Of Revenge
  10. Brain Removal Device
  11. Maniacal
  12. Submerged In Boiling Flesh
  13. Infinite Misery
Cannibal Corpse su OndaRock
Recensioni

CANNIBAL CORPSE

Violence Unimagined

(2021 - Metal Blade)
Ritorna dopo ben quattro anni la band di culto del death-metal più brutale

CANNIBAL CORPSE

Evisceration Plague

(2009 - Metal Blade)
Ancora un disco deludente per la storica compagine della Florida

Cannibal Corpse on web