Dears

Gang Of Losers

2006 (Bella Union) | alt-pop

Che Murray Lightburn aspiri alla strabordante grandeur orchestrale di un Neil Hannon o di uno Scott Walker traspare più che chiaramente dalla musica dei Dears. E il ragazzo sa scrivere, non c’è dubbio, altrimenti non si spiegherebbero le fattezze da simil-capolavoro di un pezzo come “Hate Then Love”, triste ed epico come i Radiohead di “Pablo Honey”. E quanta nostalgia nell’ascoltare “There Goes My Outfit”, con quel climax che sale lentamente, senza disturbare, e quel canto dolceamaro che ricorda i Del Amitri di “Change Everything”. Ma è bene sgombrare immediatamente il campo da equivoci: i sopraccitati pezzi sono gli unici veri guizzi di un lavoro che nel complesso delude, soprattutto se comparato al buon “No Cities Left” di un paio di anni or sono.

Cosa non va? Difficile dirlo, poiché sulle prime battute il disco sembra scivolar via che è un piacere, salvo poi mostrarsi nella sua medietà col passare degli ascolti. Gli arrangiamenti rasentano come minimo il già sentito, per non dire peggio, mentre le melodie si distendono e si aggrovigliano senza arrivare a una chirurgica chiusura che ne decreti la rotondità.
Pezzi fuori fuoco insomma, esemplificati dalla pseudo-aggressività di “Bandwagoneers”, che vaga nell’etere per quasi cinque minuti senza dirci dove ha intenzione di andare a parare. E di lì in poi, via con un pasticcio dopo l’altro, tra stantie stravaganze progressive (“You And I Are A gang Of Losers”) e sempre più accentuate bramosie radioheadiane che svaniscono nel limbo della mediocrità.

Prima del definitivo inabissamento favorito dall’indigesto polpettone di “I Fell Deep”, “Fear Made The World Go ‘Round” ci rammenta che i ragazzi hanno comunque un certo talento e non vanno persi d’occhio.

(30/08/2006)

  • Tracklist
  1. Sinthtro
  2. Ticket To Immortality
  3. Death Or Life We Want You
  4. Hate Then Love
  5. There Goes My Outfit
  6. Bandwagoneers
  7. Fear Made The World Go ‘Round
  8. You And I Are A gang Of Losers
  9. Whites Only Party
  10. Ballad Of Humankindness
  11. Feel Deep
  12. Find Our Way To Freedom
Dears su OndaRock
Recensioni

DEARS

Degeneration Street

(2011 - Dangerbird)
Quinto lavoro all'insegna della varietÓ per il progetto del canadese Muray Lightburn

DEARS

No Cities Left

(2004 - SpinArt)

Dears on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.