Euros Childs

Chops

2006 (Whichita Recordings) | folk-pop

Già leader e cantante dei Gorky's Zygotic Mynci, Euros Childs torna con un progetto tutto suo, continuando quella panoramica sul pop più surreale del passato (Daevid Allen e Kevin Ayers su tutti) che nella precedente esperienza aveva dato frutti succosi in quel gioiellino di "Barafundle" (1997). Toni naif e mediamente nostalgici, un romanticismo subdolo, sinistro. Canzoni costruite con poco, lasciate andare alla deriva, come bottiglie contenenti messaggi intrisi di emozioni bislacche ma sincere. Il disco è tutto sospeso in una dimensione chiaroscurale, distaccata, intima. Scarno, essenziale e autunnale, quello del gallese è un pop-folk ridotto sovente ai minimi termini, tranne che nei momenti in cui sembra voler rinverdire i fasti eccentrici dei suoi eroi, magari facendosi un giretto - perché no? - anche dalle parti di VanDyke Parks.

Il mestiere, insomma, c'è e si sente pure. Ma il disco appare poco compatto, come se non sapesse bene dove andare a parare. Ci conquistano, comunque, canzoni come "Donkey Islands" (puro zucchero filato, delizioso e godurioso), "Dawnsio Dros Y Mor" (surreale nel titolo e nei fatti, oltre che chiara strizzatina d'occhio a Mr. Ayers), "Costa Rita" (modernariato elettronico con anima caraibica) e "H Mewn Socasau" (brio sixties contagiosissimo). Altrove, invece, l'ispirazione vacilla e si gira a vuoto. Il carillon di "Slip Slip Away" o il Brian Wilson dolciastro di "Cynhaeaf", ad esempio, potevano essere evitati. Del tutto inutile, poi, il country-folk con l'occhio rivolto oltre l'Atlantico di "My Country Girl".

Altrove, invece, i colori prevalenti sono il grigio e il nero. L'altra metà del cielo, insomma. Un'anima bifronte che mantiene un'irrequietezza profonda e non sa quali siano i suoi sentimenti più veri. Composizioni dolorose e uggiose come "Circus Time", "Sur Rage" o ancora "Stella Is A Pigmy" (nelle sue tre mini-versioni) scelgono, quindi, di indagare i moti reconditi del cuore, facendo dialogare la voce con poche note di pianoforte e lasciando che il tutto sia avvolto da un'aura sempre più cupa e disperata.

La nostra attenzione, però, finisce per calare drammaticamente, perché, diciamoci la verità, il Nostro ha molte più cartucce da sparare quando si mette di buona voglia a lavorare con quell'aria mattacchiona e quasi grottesca su canzoncine deliziose e a loro modo irriverenti. Tuttavia - e questo glielo dobbiamo - quando incastona una ballata tenera dentro le maglie di una pulsazione sintetica ("First Time I Saw You"), finendo, poi, per svolazzare nel cielo in un girotondo corale, siamo ben felici di fare la nostra parte, dondolando il capo e sorridendo con tutto il cuore. Per il momento, può anche bastare.

(19/12/2006)

  • Tracklist
  1. Billy The Seagull
  2. Donkey Islands
  3. Dawnsio Dros Y Mor
  4. Slip Slip Away
  5. Costa Rita
  6. Stella Is A Pigmy #1
  7. My Country Girl
  8. Circus Time
  9. Cynhaeaf
  10. H Mewn Socasau
  11. Stella Is A Pigmy #2
  12. Surf Rage
  13. First Time I Saw You
  14. Stella Is A Pigmy #3
Euros Childs su OndaRock
Recensioni

EUROS CHILDS

Refresh!

(2016 - National Elf)
L'annuale uscita dell'ex-Gorky's Zygotic Mynci, un'operina all'insegna dell'electro-pop

EUROS CHILDS

Sweetheart

(2015 - National Elf)
Il gallese ex-Gorky's Zygotic Mynci in un disco registrato a casa dei genitori

EUROS CHILDS

Situation Comedy

(2013 - National Elf)
Nono tassello nella licenza di Euros dai Gorky's Zygotic Mynci

EUROS CHILDS

Summer Special

(2012 - National Elf)
L'ex-leader dei Gorky's Zygotic Mynci sforna una delizia pop