Motorpsycho

Black Hole / Blank Canvas

2006 (Stickman) | rock

Avete mai visto sfiorire con dignità uno dei vostri gruppi preferiti? Quante delle band che hanno segnato la vostra crescita musicale hanno già raggiunto la Maturità Artistica (cioè il periodo in cui il giudizio sui loro nuovi album va da "noioso" a "considerato che hanno detto già tutto non è niente male")? I Motorpsycho hanno segnato gli anni Novanta con un pugno di album memorabili e almeno un capolavoro ("Timothy's Monster" del 1994). Giunti all'apice della creatività, non potevano che rilassarsi, e così mi pare sia stato, nella loro vicenda discografica posteriore all'anno 2000 (considero "Let Them Eat Cake" l'ultimo album seminalmente e imprescindibilmente eccetera della loro carriera). A un certo punto hanno perso per strada Hakøn Gebhardt, batterista e tassello fondamentale nell'architettura della band, e hanno deciso di "tornare alle origini".

Il summenzionato ritorno alle origini si è tradotto nel presente "Black Hole/Black Canvas", album doppio in cui Bent Saether e Snah Ryan (gli unici superstiti della truppa motorpsichedelica, che negli hanni ha arruolato anche un personaggio come Helge Sten, in arte Deathprod, al momento colonna portante dei Supersilent) danno sfogo alla logorrea che, nel bene e nel male, ha sempre contraddistinto la loro carriera, e mi offrono l'opportunità di snocciolare qualche altro luogo comune. Per esempio: l'album doppio se lo potevano risparmiare, "tanto valeva eliminare qualche pezzo e concentrarsi su quelli migliori".

I due dischi in cui sono distribuiti gli ottanta e passa minuti di "Black Hole/Blank Canvas" contengono pochi brani davvero memorabili (il pop heavy di "In Our Tree" o "Hyena", le ballate di qualità superiore "The 29th Bulletin" e "Before The Flood"), più una serie di riempitivi di lusso, belli ma già sentiti, e non pochi passaggi a vuoto/plagi del vecchio repertorio (le cavalcate psichedeliche, la pop-song pesante, e via dicendo). Come se si trattasse, anziché di un album inedito, di una compilation di outtake, periodo 1994-2000.
I fan affezionati della band troveranno più di un richiamo all'epoca di "Angels and Daemons at Play" nei pezzi pop che esplodono in frammenti space-prog ("Kill Devil Hills", "Triggerman"); riff heavy di epoca "Trust Us" (i tormentoni pentatonici di "Coalmine Pony" o "L.T.E.C.", per esempio); più di un richiamo all'elettricità di "Blissard" ("Sail On", "The Ace") o a certe cavalcate psych-pop dell'ultimo periodo.

Insomma, pare che per una volta i nostri prodi non abbiano azzeccato la scelta dell'album doppio: in altre occasioni, a giustificare una mossa così sfrontata c'erano uno stato di grazia assoluto ("Timothy's Monster", il momento in cui i Motorpsycho riuscirono a fondere davvero, e senza sbavature, indierock, psichedelia cosmica, hard&heavy e scrittura di classe), o un'irrequietezza indomabile da "live band" impadronitasi del controllo dello studio (come in "Trust Us", specchio fedele dei Motorpsycho più seventies). In questo caso siamo di fronte a una coppia di autori e performer troppo smaniosi di dire qualcosa e perciò poco concentrati sulla proverbiale "economia della scaletta" e sulla riuscita di un album che così com'è soddisfa appena il fan ma lascia perplesso l'ascoltatore occasionale, e in generale segna un'occasione persa per dare alle stampe l'album "maturo", "lontano dai fasti di un tempo ma ancora brillante e propositivo" (a proposito di luoghi comuni, no?).

(03/04/2006)

  • Tracklist
CD 1
1. No Evil
2. In Our Tree
3. Coalmine Pony
4. Kill Devil Hills
5. Critical Mass
6. The 29th Bulletin
7. Devil Dog
8. Triggerman

CD 2
1. Hyena
2. Sancho Says
3. Sail On
4. The Ace
5. L.T.E.C. (Deja-Vulture Blues)
6. You Lose
7. Before the Flood
8. Fury on Earth
9. With Trixeene Through the Mirrow, I Dream with Open Eyes
Motorpsycho su OndaRock
Recensioni

MOTORPSYCHO

Kingdom Of Oblivion

(2021 - Stickman)
Ennesima conferma per i prolifici e instancabili norvegesi

MOTORPSYCHO

The All Is One

(2020 - Stickman)
La storica band norvegese chiude la trilogia con una monumentale suite di quarantadue minuti

MOTORPSYCHO

The Crucible

(2019 - Stickman Records)
Un ritorno a buoni livelli per la storica band norvegese

MOTORPSYCHO

The Tower

(2017 - Stickman)
Ritorno al disco doppio di jam rocciose per i tre norvegesi

MOTORPSYCHO

Here Be Monsters

(2016 - Stickman)
Prosegue senza cedimenti l'enciclopedica saga psych-rock del trio norvegese

MOTORPSYCHO

Supersonic Scientists

(2015 - Stickman)
Doppia retrospettiva per festeggiare il traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Behind The Sun

(2014 - Stickman)
Ennesimo superbo lavoro per la band norvegese, al traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Still Life With Eggplant

(2013 - Stickman)
Il ritorno verso territori hard-psichedelici per la band-istituzione norvegese

MOTORPSYCHO

The Death Defying Unicorn

(2012 - Rune Grammofon)
Il trionfo symphonic-prog della storica formazione norvegese, tra fughe strumentali e radure chamber-jazz ..

MOTORPSYCHO

Heavy Metal Fruit

(2010 - Rune Grammofon)
La band norvegese ritorna con un disco ancora più "pesante"

MOTORPSYCHO

Child Of The Future

(2009 - Rune Grammofon)
Un lavoro pubblicato soltanto su vinile per festeggiare i vent'anni di attività della band ..

MOTORPSYCHO

Little Lucid Moments

(2008 - Rune Grammofon)
Torna il gruppo norvegese, tra psichedelia pesante e avventurose jam

MOTORPSYCHO

It's A Love Cult

(2002 - Stickman)

News
Live Report
Motorpsycho on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.