Tara Jane O' Neil

In Circles

2006 (Touch & Go) | songwriter, alt-folk

L’ opus discografico di Tara Jane O’Neil testimonia uno dei brillanti percorsi post-rock che, assieme a David Grubbs, David Pajo e Brian McMahan, Chris Brokaw e altri, a partire dalla militanza in una band-cardine (i Rodan, in questo caso), perviene a eleganti forme folk-cantautoriali ancor più personali e alienate. Nel caso dell’autrice in questione, c’è anzitutto l’apporto al controcanto (quello femminile che gli Slint tanto cercavano nell’immediato post-"Spiderland") e al basso elettrico per l’unico Lp della band madre, la folgorazione "Rusty", quindi l’esperienza comunitaria con Sonora Pine e Retsin, infine la magnifica carriera solista.

Tara Jane ha all’attivo almeno un paio di dischi memorabili di magoni dissonanti, sofisticazioni Mitchell-iane e introspezioni neo-classicheggianti a base di cantilene afone ma preziose ("Peregrine" e "In The Sun Lines"), oltre a due erudite decostruzioni del verbo folk-country ("You Sound Reflect" e "Tjo Tko"). Fa strano, dunque, imbattersi in un disco amorfo come "In Circles", suo ultimo lavoro su Touch & Go. Il preludio cinese-dissonante di "Primer" (l’omaggio-corrispettivo della rocciosa "Shiner" di "Rusty"?), con i suoi tintinnii e la sua stasi percussiva, non porta che a un timido fraseggio di chitarra. La romanza country di "Blue Light Room", pur con il suo canto suadente, è curiosamente rilassata su una struttura-canzone per nulla brillante. Lo strumentale "This Beats" è banale fragore di melodica e accordion dal quale si stagliano - in due tempi - l’acustica suonata dalla cantautrice e le percussioni minimali.

Per arrivare ai suoi consueti tocchi d’innata maestria bisogna passare per le tradizionali "A Partridge Song" e "The Louder", per il timido omaggio strumentale alle chitarre riverberate della Colleen di "Golden Morning Breaks" di "Fundamental Tom", e per l’assordante pedal steel di "Need No Pony". "A Room For These" attacca così con un sound collage di chitarra in dissonanza, arrischiando una strofa eccessivamente allungata nell’ordito di acustica e slide , e chiudendo con fare grandioso. "The Looking Box" tra rimbombi, riverberi e pennate tra lo svogliato e il languido - pure con un chorus formulaico d’effetto - potrebbe essere un’aggiunta maggiore al suo canone (degna almeno di "In The Sun Lines"), ma che finisce per suonare come abbozzo incompiuto. "A Sparrow Song", infine, è il refrain (quasi à-la Vashti Bunyan) che più si fa ricordare, quasi un’inedita forma-canzone per blocchi contrapposti e chiusa strumentale dolente.

Album ben più vuoto che pieno. Il vuoto è costituito dalle occasioni perse dei brani strumentali, dalle canzoni confuse o prive di veri spunti emozionali. Il pieno - da par suo - è dotta imitazione del sound personale della cantautrice. Pare soprattutto un adempimento contrattuale, al meglio una labile appendice di una passione a cui l’artista sembra credere in modo ben più mirato: la pittura (cfr. artwork del disco).

(21/09/2006)

  • Tracklist
  1. Primer
  2. A Partridge Song
  3. The Louder
  4. A Sparrow Song
  5. A Room For These
  6. Blue Light Room
  7. Need No Pony
  8. Fundamental Tom
  9. The Looking Box
  10. This Beats
Tara Jane O' Neil su OndaRock
Recensioni

TARA JANE O' NEIL

Where Shine New Lights

(2014 - Kranky)
Il ritorno della cantautrice post-rock, in nuove sfide di sperimentazione e ibridazione

TARA JANE O' NEIL

A Ways Away

(2009 - K)
L'ulteriore evoluzione cantautorale di una delle migliori interpreti della scena di Louisville

Tara Jane O' Neil on web