The Caretaker

Persistent Repetition Of Phrases

2008 (Install) | avantgarde, ambient

La formula di questa musica viene spiegata nella pagina introduttiva del sito del gruppo, come meglio non si potrebbe: "Dusty and forgotten memories, echoes and vibrations from the past. Using as source, recordings from the 1920's and 1930's era of Ballroom music".
Un viaggio inquieto attraverso detriti melodici, nei confini della memoria. Eppure, "Persistent Repetition Of Phrases", così come i precedenti lavori di The Caretaker, alias James Kirby (di cui citiamo almeno "Deleted Scenes/Forgotten Dreams" del 2007 e l'onnipotente settuplo "Theoretically Pure Anterograde Amnesia"), resta lungi dal chiarirsi in poche, pur significative parole. È sì, musica essenzialmente di sampler, loop, ma decontestualizzata, plagiata in un cupo romanticismo atmosferico, ricco di senso di presentimento. Si tratta di musica dissociata, appare dunque stranita ed estesa in vastità e viluppi d'ambient remoto e ovattato, finanche a lambire sfere soprannaturali.

Questa singolare situazione musicale volge a favorire un clima sospeso e sfumato, sottilmente angoscioso, atavico, senza nome, in grado di evocare mistero. Lo spazio è incerto, luminoso e astratto.
Le selezioni strumentali, apportate da Kirby setacciando remoti anonimi vinili d'anteguerra a 78 giri incantati su grammofoni gracchianti, offrono una magnetica seduzione in lente e avvolgenti spire in moto perpetuo. Un percorso spettrale, un viaggio addentrato in patologie mentali incurabili e crescenti, oscillando tra dimensioni diverse, tra anelli di perdizione.

Quasi come nel lucente e illusionista sfacelo progressivo delle "Disintegration Loops" di William Basinski, s'è dolcemente narcotizzati, spenti in maglie di suono di "rimosso", come a vivere un "inferno circolare" tra illusione e realtà; un eterno ritorno fatale e forzato ("Rosy Retrospection", "Long Term (Remote)", la title track ecc.).
Un mito di Sisifo surrealmente rivisitato in "Haunted Ballrooms", calato nella festa di fantasmi dell'Overlook Hotel, in "The Shining" (nel quale, a proposito, viene detto al protagonista: "You've always been the caretaker!"). Silenziosi e soffusi movimenti orchestrali scandiscono fissati in ciclo, ciascuno per brano, con l'aggiunta sapiente e costante, sottile e ragionata di impercettibili varianti (di mixaggi, noise, screzi glitch di strumento... "Unmasking Alzheimer's") a sancire il carattere esclusivo e particolare di ogni nuovo altro passaggio.

L'autore (noto anche come V/VM), il cui lavoro ha suscitato l'interesse di John Peel, è affascinato dalle strutture psichiche e dal processo mnemonico (un'autentica ossessione, come attestano mole e cadenza del suo lavoro); incuriosito dalla patologia mentale, in particolare l'amnesia e l'alzheimer. Nella propria arte cerca corrispettivi ideali, corti-circuiti atmosferici impressionistici che rimpiazzino il razionale, la capacità ritentiva, l'attività della mente "sana"; egli fissa, gela l'ambiente in perpetui incantati, invischiati, stregati in limbi di dannazione, anticamere dirette della demenza.

Sulla copertina, opera dell'artista Guy Denning, luce e ombra colpiscono un volto androgino intensamente assorto, accentuandone il turbamento e squarciando ogni certezza.

(28/12/2008)

  • Tracklist
  1. Lacunar Amnesia
  2. Persistent Repetition Of Phrases
  3. Rosy Retrospection
  4. Long Term (Remote)
  5. Poor Enunciation
  6. Past Life Regression
  7. False Memory Syndrome
  8. Von Restorff Effect
  9. Unmasking Alzheimer's
The Caretaker su OndaRock
Recensioni

THE CARETAKER

Everywhere At The End Of Time - Stage 6

(2019 - History Always Favours The Winners)
La conclusione, con il sesto capitolo, dell'imponente studio sonoro sulla demenza di James Leyland ..

THE CARETAKER

Everywhere At The End Of Time

(2016 - History Always Favours The Winners)
L'analisi di una demenza precoce attraverso il degradarsi di vecchi nastri

THE CARETAKER

Patience (After Sebald)

(2012 - History Always Favours The Winners)
Un caleidoscopio di paesaggi e sensazioni tra pianoforte, canto e una sottile inquietudine

THE CARETAKER

An Empty Bliss Beyond This World

(2011 - History Always Favours The Winners)
Leyland Kirby in un nuovo capitolo del suo viaggio negli imperscrutabili meandri della memoria

The Caretaker on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.