Mew

No More Stories/ Are Told Today/ I'm Sorry...

2009 (Columbia) | dream-pop, progressive rock

Quelle canzoni che basta un ascolto. Un ascolto solo, e son già stampate nella memoria: ti ritrovi a canticchiarle sotto la doccia, a fischiettarle quando meno te le aspetti. Sono l'essenza del pop, no?
Bello, quando se ne trovano. Ma bello anche quando non se ne trovano. Quando un pezzo affascina ma non si riesce a venirne a capo, se non dopo giorni (e giorni) di riascolti. Poi finalmente si svela e - magia delle magie - si scopre che è stupendo.
Questa è l'essenza del pop. A volte.

"No More Stories..." è una di quelle volte. Ci vuole pazienza anche solo per leggerne il titolo. Il singolo di lancio, "Introducing Palace Players", è un groviglio di chitarre math e terzine batteristiche scompigliate. Melodia celestiale, sia chiaro, ma certo non l'ABC dell'orecchiabilità.
Eppure... L'aria magica, paradisiaca; la voce cristallina e trasognata, che fa molto Jon Anderson. I continui slittamenti ritmici; quelle schiarite improvvise e a ciel sereno, che fanno molto Yes. Ascolto dopo ascolto, si rivela irresistibile.

Ruvidezza indie-rock e dolcezza dream-pop. Spigoli progressive e vortici shoegazer. Alchimie nuove, sulle prime un po' spaesanti. Ne scaturiscono i mondi fantastici di "Repeaterbeater", "Cartoons and Macreme Wounds" (tortuosissima!), "Vaccine". Quello di "Hawaii" è un incanto di scampanellii e fughe vocali, e sfiora il pop corale di Anathallo e The Most Serene Republic.
Le melodie sono perfette. "Beach", condita di cassa dritta, sarebbe una hit istantanea. Con grande coraggio, invece, predomina la fantasia ritmica: un misto astruso di battere e levare, coi colpi di cassa in controfase ai piatti, al basso, a tutto il resto. Ci mette un po' a convincere, ma poi diventa chiaro: avrebbe potuto essere una bella canzone, ma così è nettamente oltre.

Le architetture poliritmiche, prodigio di leggerezza e complessità, sono una costante del disco. In "Tricks Of The Trade" spiccano il volo, e i synth le avvolgono in un una nuvola elettro-pop. Densa ed eterea al tempo stesso, lascia una rugiada delicata - sotto forma di phasing pianistico.

Un peccato perdersi queste meraviglie, solo per la fretta di passare ad altro...

I Mew, danesi, sono una celebrità locale. Questo quinto album, però, è stato notato anche in America. Il lavoro precedente è "And the Glass Handed Kites", del 2005. Più diretto, ma anche un po' meno raffinato, è comunque un altro disco da avere.

(06/10/2009)

  • Tracklist
  1. New Terrain
  2. Introducing Palace Players
  3. Beach
  4. Repeaterbeater
  5. Intermezzo 1
  6. Silasthe Magic Car
  7. Cartoons And Macrame Wounds
  8. A Dream
  9. Hawaii
  10. Vaccine
  11. Tricks Of The Trade
  12. Intermezzo 2
  13. Sometimes Life Isn't Easy
  14. Reprise
Mew su OndaRock
Recensioni

MEW

Visuals

(2017 - Play It Again Sam)
Settimo Lp ed ennesimo centro per la band danese

MEW

+-

(2015 - Play It Again Sam)
Dopo 6 anni di silenzio, la band danese torna con un nuovo mix-killer di melodia e ritmo

MEW

And The Glass Handed Kites

(2005 - Sony/Evil Office)
La bibbia alternative prog degli outsider danesi

News
Live Report
Mew on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.