Paolo Spaccamonti

Undici Pezzi Facili

2009 (Bosco Rec.) | post-rock

Il titolo (“Undici Pezzi Facili”) di questo lavoro del torinese Paolo Spaccamonti potrebbe, a ragione, essere considerato come un vero e proprio manifesto programmatico.

Con un piglio cameristico, questi strumentali post-rock sembrano colonne sonore di film immaginari, cartoline musicate di un mondo tutto interiore, piccoli affreschi di un’anima inquieta. “Facili”, però: come a dire che, gira e rigira, la musica non riesce a muoversi oltre il solco di un docile, pur se apprezzabile, artigianato.

Forse ci sarà anche del talento nel Nostro, ma, al momento, tutto quello che si rivela è, al massimo, una discreta capacità di descrivere, con i suoni, determinati stati d’animo. Indicativo, per dire, lo slow-core “tronico” di “Camicia gialla, cravatta nera”: suoni miscelati con cura su una tavolozza soffice, in cui le prospettive tendono a confondersi, portando altrove i desideri e le speranze, magari tra le sommesse panoramiche di frontiera della prima delle tre parti di “Fine della fiera”, indolenzita da un dolore inafferrabile (“Pt. II”) e risolta, peccato!, in un vortice di sbadigli (“Pt. III”).

Fatta eccezione per l’elettricità in fibrillazione e le atmosfere noir di “Drones”, il tex-mex cerebrale di “Spy Movie” e le avvolgenti partiture (Tarwater?) di “Vertigo”, questo è un disco profondamente malinconico, come dimostrano le ipotesi cameristiche, in connubio con sprazzi chitarristi Floyd-iani, di “Tex”, il cerchio meditabondo di “Minus”, il minimalismo finemente cesellato – via Slint – di “Soli tutti” e le dolentissime partiture di “Lamento”, tutta sbilanciata sul versante Dirty Three.

Conoscerà, insomma, anche i suoi modelli; saprà anche investigarne a dovere determinate tensioni strutturali… ma, a nostro avviso, Spaccamonti deve lavorare ancora molto se non vuole accontentarsi di vivere di riflessi altrui…

(28/07/2009)

  • Tracklist
1. Camicia gialla, cravatta nera
2. Drones
3. Vertigo
4. Fine della fiera
5. Fine della fiera Pt. II
6. Fine della fiera Pt. III
7. Tex
8. Minus
9. Spy Movie
10. Soli tutti
11. Lamento

Arbeit & Spaccamonti su OndaRock
Recensioni

ARBEIT & SPACCAMONTI

CLN

(2018 - Boring Machines, Escape From Today)
Il chitarrista torinese e l'Einstürzende Neubauten in un libero confronto a 12 corde dai risultati ..

PAOLO SPACCAMONTI & RAMON MORO

I cormorani OST

(2016 - Dunque, Superbudda)
Il chitarrista torinese e il trombettista dei 3Quietmen firmano la colonna sonora del nuovo film di Fabio ..

PAOLO SPACCAMONTI

Rumors

(2015 - Santeria, Escape From Today)
Terzo capitolo nella discografia dalle tinte cinematografiche del chitarrista torinese

SPACCAMONTI/ PILIA

Frammenti/ Stand Behind The Men Behind The Wire Split Lp

(2013 - Escape From Today, Brigadisco)
I due chitarristi italiani tra post-rock cinematografico e poliedriche sperimentazioni

Paolo Spaccamonti on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.