Wooden Wand

Death Seat

2010 (Young God) | country

James Jackson Toth è uno di quelli che ha le stigmate del maledetto, uno di quelli con la tradizione nel cuore, uno dei pochi capace di reinterpretarla come la modernità richiede: ossia senza calligrafismi di sorta, come Woven Hand, Johnny Dowd e pochi altri negli anni Duemila. James Jackson Toth ha l'animo nero di Hank Williams e Johnny Cash, sanguina versi pregni di disperazione come Dave Eugene Edwards, evoca immagini di rosari e amori traditi, di solitudini e province desolate, di motel per camionisti e puttane, mentre Harry Crews ci racconta con lucida pazzia della "Fiera Dei Serpenti". Canta con una voce tremante Toth, accompagnandosi con la chitarra e poco altro. E lo fa utilizzando l'idioma del country di Nashville.

Ed è come se all'improvviso i fantasmi che abitano le musiche di Merle Haggard, Willie Nelson, Waylong Jennings e Townes Van Zandt rivivessero nel folk cupo e alienante degli Angels Of Light. E pezzi come le maestose "Servant To Blues" e "Ms Mowse" sono così oscuri e scarnificanti da staccarti la pelle di dosso mentre preghi che il Signore perdoni i figli per i peccati dei padri. E poi ci sono canzoni come "I Wanna Make A Difference", che valgono intere carriere. E Dio, vorresti queste arpeggi ipnotici continuassero all'infinto a raccontare il destino dei diseredati. Che sia questa la sua natura di Wooden Wand, archiviata forse definitivamente la psichdelia free from degli esordi, in compagnia dei Vanishing Voice? Probabilmente si, vista la progressione cantautorale che lo ha condotto a questo "Death Seat".
 
A differenza degli album precedenti, qui le canzoni sono forti di un songwriting convincente come mai prima, e sanguinano e uccidono. Cristo se sanguinano e uccidono! E possiedono un'intensità spaventosa. E che il Signore ci preservi quest'ennesimo fuorilegge dell'america più emarginata, quella che piace a noi, la sola a potersi chiamare America.

(17/12/2010)

  • Tracklist
  1. Sleepwalking After Midnight
  2. The Mountain
  3. Servant To Blues
  4. Bobby
  5. I Made You
  6. Death Seat
  7. I Wanna Make A Difference
  8. Ms Mowse
  9. Until Wrong Loos Right
  10. Hotel Bar
  11. The Arc
  12. Tiny Confessions
Wooden Wand su OndaRock
Recensioni

WOODEN WAND

Clipper Ship

(2017 - Three Lobed)
Una contemplazione saggia e pacifica nel nuovo album di James Toth

WOODEN WAND

Farmer's Corner

(2014 - Fire Records)
Ancora emozioni country dal talentuoso James Jackson Toth

WOODEN WAND

Blood Oaths Of The New Blues

(2012 - Fire Records)
Ennesima uscita nella prolifica discografia di James Jackson Toth

WOODEN WAND

James & The Quiet

(2007 - Ecstatic Peace!)
Un nuovo tuffo nell'universo folk degli anni Sessanta

Wooden Wand on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.