I Am Oak

Oasem

2011 (Snowstar) | alt-folk, songwriter

Potremmo chiamarlo il Bon Iver d'Olanda, Thijs Kuijken. Beh, forse il passaggio dall'acustico esordio "On Claws" a questo più ambientale e sintetico - nei suoni - "Oasem" gli è riuscito anche meglio. Opinione circoscritta, dato che "Bon Iver, Bon Iver" ha praticamente annientato la concorrenza in molte delle classifiche di fine anno, ma si spera che spinga qualcuno a dare una chance a questo cantautore e, ormai, polistrumentista olandese, pubblicato dall'interessante etichetta connazionale Snowstar.
In "Oasem", che in olandese significa "respiro", c'è appunto tutta la ricerca di un'espressività di comunione anche spirituale con l'elemento naturale, una specie di abbandono incondizionato che può ricordare, in alcuni tratti, il trasporto nostalgico di certi brani di Antony, il cui stile torna sobriamente qua e là. Una solennità processionale quasi post sorregge tracce come la conclusiva "Horizon II", ma in generale l'elemento sintetico del nuovo sound I Am Oak ha un che di sinceramente commosso, come di chi scopre sé stesso sulle frange esposte al vento di una scogliera ("I").

Disco composto, oltre all'elemento percussionistico, minimalista e vagamente tribale, di soli organi e tastiere, con la presenza occasionale di un balafori, che contribuisce ad accrescere il carattere prettamente "insulare" del disco. Le tracce di "Oasem" sono infatti un arcipelago: atolli rigogliosi in cui la vita, pur circoscritta ed effimera, esplode di forme e colori mai uguali a sé stessi.
Stupenda la strumentale "Island II" nel descrivere lo stupore dell'uomo di fronte all'immensità del micro- e del macro-scopico, con le sue mareggiate di archi sintetici e il suo aguzzo giro di banjo, mentre "Ocyaan" si lascia ipnotizzare dal danzare delle fiamme, in un gioco chiaroscurale che sottilmente trae a sé.

Non un disco facilissimo, forse: dagli ingredienti così sparuti che un ascolto distratto renderà il tutto un po' più indistinguibile. Ma sicuramente un lavoro che doppia agilmente i guru della cassetta americani alla Julian Lynch, sia per la riuscita della sperimentazione coi suoni, sia per la sostanza della composizione: senz'altro "Oasem" conferma Thijs Kuijken come uno dei più importanti giovani autori europei.

(09/01/2012)



  • Tracklist
  1. Horizon
  2. Distances
  3. Ancient
  4. Curt
  5. Island
  6. Elbows
  7. Distances II
  8. Giant
  9. I
  10. Ocyaan
  11. Island II
  12. Horizon II
I Am Oak su OndaRock
Recensioni

I AM OAK

Our Blood

(2016 - Snowstar)
Il progetto slow-folk olandese in un ritorno atteso a lungo

I AM OAK

Ols Songd

(2014 - Snowstar)
Thjis Kuijken ripubblica il suo esordio riarrangiando le canzoni

I AM OAK

Nowhere Or Tammensaari

(2012 - Snowstar)
Il cantautore olandese consolida il proprio sound con una vivida prova corale: in streaming questo nuovo ..

News
I Am Oak on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.