Indelicates

David Koresh Superstar

2011 (Corporate) | pop, country

Il mondo visto attraverso un pensiero talmente controverso da giustificare la sua eradicazione attraverso la violenza. La linea sottile tra ciò che è lecito e socialmente accettabile e ciò che va represso senza possibilità di replica. La deriva settaria del concetto religioso americano, le psicosi collettive. C'è tutto questo - e anche di più - a stuzzicare gli animi di Simon e Julia Indelicate, che si gettano anch'essi, a un solo anno di distanza dal disco precedente, il loro secondo, nella costruzione di una country opera che trova corrispettivi recenti in, ad esempio, "Hadestown" di Anais Mitchell (si veda la riproposizione, in questo disco, del canto gospel tradizionale "John The Revelator").

David Koresh è l'erede designato a prendere le redini di questa setta protestante, l'ennesima, che dal 1959 predica un'imminente Seconda Venuta di Cristo - in questo caso, sarà lui stesso a prendersi la responsabilità di dichiararsi nuovo Messia, praticando la poligamia anche con minorenni e facendo incetta di armi ed esplosivi. Il 28 febbraio 1993 il Bureau for Alcohol, Tobacco and Firearms, organismo federale per il controllo delle irregolarità nel possesso dei tre di cui sopra, irrompe con tanto di mandato nel "Ranch Apocalypse" per una perquisizione. Ne scaturisce una sparatoria che sfocerà in quattro vittime tra gli agenti del BATF e sei tra i Davidiani. Da qui in poi l'FBI sarà autorizzata a un assedio in piena regola di Mount Carmel (ubicazione del ranch-comunità, poco distante da Waco, Texas), che durerà cinquanta giorni, compreso uno stallo in cui Koresh dichiara di voler completare un'opera sull'Apocalisse che lo stesso Padreterno gli starebbe dettando. Alla fine l'FBI passerà all'azione e, in un controverso incendio della chiesa del ranch, moriranno tutti gli abitanti dello stesso: settantasei vittime (compreso lo stesso David Koresh), delle quali una ventina per colpi d'arma da fuoco sparati a chi fuggiva dalle fiamme.

Un racconto doveroso, che mette in luce tutta la carica drammatica della storia scelta dagli Indelicates. Della storia non sopravvive però questa drammaticità, in un disco che rimane a metà strada tra il greve apparato dei contenuti e lo spirito irriverente della band, un po' combattuta nel bivio tra i due possibili travestimenti del lavoro. Mai veramente caustico, "David Koresh Superstar" non riesce mai a spostare la barra emotiva, che resta rigida e compressa a causa della poca brillantezza delle composizioni.
Il disco sviluppa infatti in particolar modo la vena più acustica del gruppo, a volte quasi country ("The Road From Huston To Waco"), quella che in "Song For Swinging Lovers" rappresentava forse la parte più prevedibile e meno interessante della musica degli Indelicates (la non più che simpatica "Sympathy For The Devil", qui per altro semi-replicata in "A Single Thrown Grenade"). Anche la caratterizzazione più "operistica" di certi pezzi - ad esempio in "Something Goin' Down In Waco" - non pare più che una rappresentazione didascalica e superficiale, anche nel pezzo programmatico "I Am Koresh". Se le riflessioni mancano, ma possono anche essere legittimamente ritenute non necessarie per un lavoro artistico, non può non far storcere il naso l'assenza di un gusto del racconto, il quale in questo caso pare limitare l'altrimenti grande capacità lirica di Simon e Julia.

Pallidi e prevedibili voli à-la Bacharach (la strumentale "The Siege"), i giri di basso e chitarra di "McVeigh" e "A Book Of Seven Seals" mettono in luce, in realtà, più che una varietà di scrittura, una semplicità che sconfina nello scolastico.
Il risultato finale è la dissoluzione di questo carico d'ambizione, nei temi e nei contenuti, in uno scialbo lavoro pop, che non ha dalla sua né la delicatezza della pietas umana né l'ardore dell'indignazione.

 

(01/06/2011)

  • Tracklist
1. Remember The Alamo!
2. The Road From Houston To Waco
3. The Woman Clothed With The Sun
4. I Am Koresh
5. A Single Thrown Grenade
6. I Don't Care If It's True
7. Something Goin' Down In Waco
8. Ballad Of The A.T.F.
9. McVeigh
10. What If You're Wrong?
11. A Book Of The Seven Seals
12. The Siege
13. Gethesemane
14. Superstar
15. John The Revelator
Indelicates su OndaRock
Recensioni

INDELICATES

Diseases Of England

(2013 - Corporate)
Le malattie di un'Inghilterra pi¨ decadente che mai

INDELICATES

Songs For Swinging Lovers

(2010 - Corporate)
Simon e Julia Indelicate si ripresentano col proprio bagaglio di fine ironia e sublime artigianato pop ..

INDELICATES

American Demo

(2008 - Weekender)
Il folgorante esordio della band di Brighton

News
Indelicates on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.