Hot Chip

In Our Heads

2012 (Domino) | synth-pop, indietronica

Vedendo un soggetto come Alexis Taylor sembra di trovarsi davanti a un personaggio uscito direttamente da Big Bang Theory: un nerd occhialuto le cui passioni sono PlayStation, fumetti e Star Wars. Invece no: Taylor è un artista intelligente, che in quattro album ha avuto la capacità coi compagni di avventura di diventare uno degli alfieri di quel pop sperimentale che passa tra funky, dance e indietronica.
Sono ormai passati due anni dal synth-pop di "One Life Stand", e anche stavolta le attese sono tante: fino ad ora i lavori della band sono sempre stati interessanti, mai banali, esempi di varietà e compattezza in un connubio di elettropop e atmosfere sognanti. Ma è difficile, oggi, ricalcare le orme dei primi due album, e "In Our Heads" ne è la prova.

L'album è composto da due anime che si intrecciano con risultati non sempre esaltanti. La prima è frutto dell'audacità musicale della band: in "How Do You Do", ad esempio, le sonorità techno/house (sviluppate gradualmente dall'attività di disc jockey dei singoli componenti del gruppo, soprattutto da Joe Goddard, impegnato nel side-project 2 Bears) sembrano riprendere alcuni temi cari ai primi Daft Punk.
"Night & Day", il primo robotico singolo dell'album, stupisce pienamente grazie alla ventata di freschezza e lucidità che riesce ad esprimere, e da un momento all'altro sembra di trovarsi nel territorio di Pacman, intento a mangiare più puntini possibili nel famoso labirinto.

La seconda anima è più malinconica: in "These Chains" un tappeto dance molto anni 80, dai tratti chill-wave, fa da sfondo alla voce pensosa di Taylor - voce che però non convince altrettanto altrove. La ballata "Look At Where We Are" è l'emblema di questo lato più meditabondo dell'album, ma risulta stucchevole e perfino noiosa. Gli Hot Chip sono ancorati ai lavori precedenti, cercando di sposarne lo stile con sonorità più intime che però, almeno per ora, stentano a decollare in quanto a efficacia.

La fatica in studio di Taylor e compagni riesce comunque a creare un alone di interesse attorno a sé, e si attesta su un livello più che sufficente. Parlare di passo falso è dunque eccessivo, e sorge il sospetto che se non conoscessimo le capacità degli Hot Chip il giudizio sull'album potrebbe essere più alto. Da un gruppo di tale caratura, però, è obbligatorio aspettarsi qualcosa di meglio.
La speranza è che l'energia e la voglia di stupire del gruppo non stiano spegnendosi, impantanate tra un brillante passato che rende il presente un po' sfocato e un futuro ancora più indecifrabile ed enigmatico. Buona l'idea, meno l'esecuzione.

(08/07/2012)

  • Tracklist
  1. Motion Sickness
  2. Hoy Do You Do?
  3. Don't Deny Your Heart
  4. Look At Where We Are
  5. These Chains
  6. Night & Day
  7. Flutes
  8. Now There Is Nothing
  9. Ends Of The Earth
  10. Let Me Be Him
  11. Always Been Your Love
Hot Chip su OndaRock
Recensioni

HOT CHIP

A Bath Full Of Ecstasy

(2019 - Domino)
Dopo 4 anni di silenzio e diversi progetti paralleli, torna il synth-pop gioioso e frizzante del supercombo ..

HOT CHIP

Why Make Sense?

(2015 - Domino)
Sesto album per la band londinese, tra dolci conferme e primi segni di stanchezza

HOT CHIP

One Life Stand

(2010 - Parlophone Records)
La band britannica e il suo pop elettronico dalle colorature indie fashion

HOT CHIP

Made In The Dark

(2008 - Astralwerks / Dfa)
Terzo episodio e terzo centro per il coloratissimo combo britannico, che prosegue il suo cammino nel ..

HOT CHIP

The Warning

(2006 - Emi)

HOT CHIP

Coming On Strong

(2004 - Moshi)

News
Hot Chip on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.