Ian William Craig

A Turn of Breath

2014 (Recital) | experimental ambient-drone, tape-music, post sacred-music

Cantante lirico e artista visuale di Vancouver, Ian William Craig ha intrapreso da qualche anno una carriera nel campo della ricerca musicale, concentrandosi sulle potenzialità evocative della voce. Dopo una serie di lavori più o meno sotterranei, con “Cradle For The Wanting”, uscito giusto un mese fa, l’artista canadese mostra di aver raggiunto una piena padronanza dei mezzi e una maturità compositiva invidiabile.

Tuttavia, pur essendo quello un disco al di sopra della media, a nostro avviso è con “A Turn Of Breath” dell’anno scorso che l’artista canadese raggiunse un equilibrio ragguardevole tra manipolazione vocale e straniamento digitale, conducendo l’ascoltatore in peripezie abissali tra silenzio ed echi ancestrali, al limitare del senso, lì dove solo l’estasi-in-ascolto può rendere conto di visioni istantanee (“On The Reach Of Explanations”), di equilibri fragilissimi per rapimenti liturgici e fanghiglia glitch (“Second Lens”, “TEAC Poem”) o, ancora, di vibranti preghiere scagliate contro il “limite” (“The Edges”).

Lo spazio mentale in cui agisce Craig nasce dalla sintesi tra i “dormiveglia” di Arthur Russell, i “disintegration loops” di William Basinski e le rarefazioni aurorali di Fursaxa. Un gioco di specchi e di stratificazioni che danno vita, in “Red Gate With Starling” e in “New Brighton Park, July 2013”, a una musica sacra delle sfere celesti, palpitante e caliginosa, come la luce inaccessibile evocata dai mistici del medioevo.
Quando, invece, la voce insegue melodie e significati “terreni”, ecco il folk intimista e diffratto di “Rooms” e "A Forgetting Place" o la dolente liturgia delle due parti di “A Slight Grip, A Gentle Hold”, circondata dal brusio di queruli fantasmi. Il corale di “Either Or” fa pensare, invece, al continuo ondeggiare del mare: misterioso ed ipnotico, come tutto “A Turn Of Breath”, del resto.

(26/12/2015)

  • Tracklist
  1. Before Meaning Comes
  2. On the Reach Of Explanations
  3. Red Gate with Starling
  4. Rooms
  5. A Slight Grip, a Gentle Hold (Part 1)
  6. Second Lens
  7. The Edges
  8. New Brighton Park, July 2013
  9. TEAC Poem
  10. Either Or
  11. A Slight Grip, a Gentle Hold (Part 2)
  12. A Forgetting Place

Ian William Craig su OndaRock
Recensioni

IAN WILLIAM CRAIG

Thresholder

(2018 - FatCat)
La degradazione acustica come sorgente di bellezza nell'opera più fragile e astratta del compositore ..

IAN WILLIAM CRAIG

Slow Vessels

(2017 - 130701)
Ritorno alla radice acustica delle canzoni “nascoste” nelle fragili ambientazioni di “Centres” ..

IAN WILLIAM CRAIG

Durbe

(2017 - Recital)
Live in edizione limitata per il "cantautore ambient" canadese

IAN WILLIAM CRAIG

Centres

(2016 - 130701)
Songwriting effimero in uno dei dischi ambient più singolari dell'anno

Ian William Craig on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.