Imperial Triumphant

Abyssal Gods

2015 (Code666) | experimental blackened death-metal

Nei tre anni che separano “Abyssal Gods” da “Abominamentvm”, gli Imperial Triumphant si sono lentamente assestati, anche sulla scorta dell’Ep “Goliath”, su posizioni più death-oriented, passando da un black-metal sperimentale in quota Deathspell Omega a una variante scurissima e claustrofobica del “metallo della morte”. Tuttavia, se si pensa che a bordo ci sono due membri dei Pyrrhon (Alex Cohen alla batteria ed Erik Malave al basso), questa mutazione non sorprende più di tanto e, anzi, finisce per rendere le cose molto più interessanti.

“Abyssal Gods” è, infatti, un disco che ci presenta un quartetto ancora più incisivo e creativo, capace non soltanto di declinare arcigne dichiarazioni di guerra, ma anche pronto a evocare trascendenze ostili (la parte introduttiva della title track, l’interludio dark-ambient sinfonico di “Celestial War Rape” e quello cameristico di “Vatican Lust”) o, all’occorrenza, capace di avventurarsi in una jam di free-jazz con tanto di cluster pianistici e putiferi di corde (“Metropolis”).
L’amore per le dissonanze e le abrasioni devianti conducono invece il quartetto sulla strada della perdizione, lì dove c’è da fare i conti dapprima con una baruffa ipercinetica di accumulazioni parossistiche, aperture orchestrali e psichedelia malaticcia (“From Palaces Of The Hive”), poi con una “Krokodil” che trasferisce la lezione dei Portal in una gelida architettura oltretombale e, quindi, con le scansioni meccaniche e i fuoribordo Gorguts che trasformano “Dead Heaven” e “Twins” in congegni altamente drammatici.

Quando, invece, la schizofrenia invade gli amplificatori, “Opposide Holiness” finisce per tirare in ballo anche i Cephalic Carnage degli esordi, mentre la scurissima immersione nell’acido/acciaio di “Black Psychedelia” trionfa con un assolo spaziale di Ilya Goddessraper.
L’album è prodotto dal solito, ineccepibile Colin Marston.

(08/04/2015)

  • Tracklist
  1. From Palaces of the Hive
  2. Abyssal Gods
  3. Dead Heaven
  4. Celestial War Rape
  5. Opposing Holiness
  6. Krokodil
  7. Twins
  8. Vatican Lust
  9. Black Psychedelia
  10. Metropolis

Imperial Triumphant su OndaRock
Recensioni

IMPERIAL TRIUMPHANT

Vile Luxury

(2018 - Gilead Media)
Avanguardia metal e magniloquenza della decadenza nel nuovo, imponente lavoro del trio newyorkese

Imperial Triumphant on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.