Shifted

Appropriation Stories

2016 (Hospital Productions) | techno

Mi piace pensare alla techno come un ciclo, che fa un giro immenso prima di ritornare all'origine.
L'inizio del nuovo ciclo risale, idealmente, al 2011, una annata d'oro, dove vennero rilasciati album tutt'ora importantissimi come "Breaking The Frame" "What We Have Learned", "Escapism", "The Messenger", "Wordplay For Working Bees" e Sandwell District stava per finire la sua storia. Era anche l'anno di esordio di Guy Brewer (Shifted) che lanciava al mondo la sua Avian.
Se guardiamo al 2016, come fine o quasi del ciclo, troveremo delle spaventose analogie: come il ritorno su full-length di Surgeon, Luke Slater e Lucy, il canto del cigno della Jealous God con Crisci, la compilation di lusso della Infrastructure Facticity che dà il via a una nuova era di techno oltreoceanica e la consacrazione della Avian come etichetta di punta del marchio con il lavoro Shxcxchcxsh.
Per concludere in bellezza, appunto, questa annata gloriosa, mancava la zampata finale propria di Guy che, da oculato talent scout, veste anche i panni di producer e ritorna, come tutti, alla Hospital Productions di Dominick Fernow.

"Appropriation Stories", il nome della sua fatica, non aggiunge granché al genere per non sforare nel manierismo, è il classico disco di techno dura posseduta da derive industrial massicce e contaminata di ambient tetra e agghiacciante, la cosa che ti aspetteresti da Shifted e dalla Hospital, insomma, perché la sperimentazione è importante ma il classico non passa mai di moda. "Watchers" e "Resin & Lacquer", in questo senso, sono l'apice del racconto che ci vuole propinare Guy, niente romanticismo, niente empatia, tantissima desolazione, tantissima potenza, "Flatlands" e "Vacive" sono sue appendici, "In Respect Of Tactics" il registro sembra virare totalmente all'armonia, dove scompare quasi del tutto la cassa per lasciare la scena a synth eterei, ma è solo un'illusione perché in "Spires" si ritorna alla materia pulsante.

Nulla di nuovo sotto il cielo della Hospital, ma l'ennesima conferma per un artista che nel suo campo è tra i migliori in circolazione. Fine del ciclo.

(30/10/2016)

  • Tracklist

1. This Passage
2. Vacive
3. Flatlands
4. Life Backwards
5. 
Resin & Lacquer
6. Watchers
7. For Closure
8. In Respect of Tactics
9. Spires6:34
10. The Faintest Trace, the Quietest Whisper

Shifted su OndaRock
Recensioni

SHIFTED

Under A Single Banner

(2013 - Bed Of Nails)
La tetra trasfigurazione techno del giovane produttore inglese

Shifted on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.