Hey Colossus

The Guillotine

2017 (Rocket Recordings) | math-rock, psych

C’è qualcosa che non torna nel nuovo lavoro del sestetto londinese, band fra le più illuminate degli ultimi anni, sempre intenta a rettificare il proprio percorso artistico: questa volta prova ad allargare la fanbase, proseguendo il processo - intrapreso nei due lavori di due anni fa - di edulcorazione del furioso noise-rock degli esordi.
Viaggia bene “The Guillotine”, fra math-rock mastodonticamente granitico (“Honest To God”, ma ancor più “Back In The Room”, una chiamata alle armi che spazza via tutto, occhio al perverso sax verso il finale) e quei brani che rappresentano il nuovo corso ben più levigato, come “Calenture Boy”, nella quale su un morbido arpeggio di chitarra si adagia il cantato suadente, limando gli spigoli e cercando lo slancio epico, la medesima direzione perseguita più avanti con “In A Collision”.

“Experts Toll” ed “Englishman” (con tanto di coda vagamente psych) alzano i bpm ma non fanno male, è invece il pianoforte a introdurre la ballad (molto Metallica, anche troppo…) “Potions”, mentre per chiudere in bellezza viene lasciato spazio alla scura marcia finale che dà il titolo all’intero disco.
Il messaggio nei testi è militante, a tratti anche forte, con ripetuti attacchi alla politica dei nostri giorni, in particolare quella inglese, e in tal senso i riferimenti ai problemi connessi all'affare Brexit sono tanto evidenti quanto inevitabili.

A questo punto della loro carriera, ci aspettavamo dagli Hey Colossus il disco della vita, ci ritroviamo invece fra le mani un lavoro eccelso soltanto a metà (in questo caso ci va di vedere il bicchiere mezzo vuoto, proprio perché le aspettative erano altissime), che fallisce l'ambizioso obiettivo di qualificarli fra le più grandi formazioni del nuovo millennio.
Resteranno un gruppo di nicchia, anche dopo “The Guillotine”, il loro album più accessibile di sempre: per dichiararne la definitiva trasformazione in leggenda dovremo aspettare un altro capitolo, magari sarà il prossimo...

(18/07/2017)

  • Tracklist
  1. Honest To God
  2. Back In The Room
  3. Calenture Boy
  4. Experts Toll
  5. Potions
  6. Englishman
  7. In A Collision
  8. The Guillotine
Hey Colossus su OndaRock
Recensioni

HEY COLOSSUS

In Black and Gold

(2015 - Rocket Recordings)
La band londinese mostra maggior equilibrio tra prepotenza e chirurgico assemblaggio

HEY COLOSSUS

R R R

(2011 - Riot Season)
Un disco dalla varietà stilistica più accentuata per il ritorno del collettivo inglese

HEY COLOSSUS

Project: Death

(2007 - Shifty Records)
Il suono colossale e catastrofico della band inglese

Hey Colossus on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.