Todo Modo

Prega per me

2017 (Goodfellas) | alt-rock, noise, songwriter

Devono essere rimasti molto soddisfatti dal primo disco, frutto del felice incontro fra Paolo Saporiti, Xabier Iriondo e Giorgio Prette, se i tre Todo Modo hanno deciso di proseguire l'avventura in comune scrivendo il secondo atto della propria collaborazione.
A un anno e mezzo di distanza dall'omonimo esordio, cantautorato e sperimentazione continuano ad andare saldamente a braccetto in queste nuove dodici tracce, nelle quali il songwriting di Saporiti si adagia sui tappeti disturbati architettati dal chitarrista storico degli Afterhours.

Per Prette, dopo la tumultuosa fine del sodalizio con la band di Manuel Agnelli, non poteva esserci collocazione più confortevole, alle spalle di Iriondo, con il quale ha condiviso alcuni fra i dischi più importanti del rock alternativo italiano degli ultimi venticinque anni.
In "Prega per me" il trio allarga i propri orizzonti, giocando con suoni ora urticanti ("La figlia del re"), ora acustici ("Nel nome mio"), alternando brani più riflessivi ("Clandestino", "Fino a farmi male") ad altri decisamente energici ("Non vedi che fa male") e persino inquietanti (la conclusiva "La ballata di Rouen"), dimostrando di sapersi muovere con disinvoltura su più registri.

In alcuni frangenti l'effetto Subsonica è dietro l'angolo ("La fine del mondo"), altre volte il cantato insegue il ricordo di Godano e Clementi (occhio al decantato su "Vero"...), ma la proposta Todo Modo va divenendo sempre più personale, puntando non esclusivamente sul basso minutaggio, ma cercando a tratti una via più strutturata ("Non dite niente" sfiora i sette minuti).
Ovviamente in gran spolvero la parte effettistica, non solo sulle chitarre di Xabier (il flanger nella title track, i distorsori vari ed eventuali disseminati ovunque) ma anche su voce e batteria. Il bianco e nero d'antan scelto per la copertina ritrae il papà di uno dei tre (non ci è dato sapere quale) nell'intento di colpire una pallina da golf: un flash di classicismo per un disco che vuole essere avanguardista senza mai dimenticare le radici.

(14/03/2017)

  • Tracklist
  1. La fine del mondo
  2. Non vedi che fa male
  3. Clandestino
  4. Prendi a calci i tuoi dolori
  5. Passaggio a livello
  6. Vero
  7. Fino a farmi male
  8. Non dite niente
  9. La figlia del re
  10. Prega per me
  11. Nel nome mio
  12. La ballata di Rouen
Todo Modo su OndaRock
Recensioni

TODO MODO

Todo Modo

(2015 - Goodfellas)
L'esordio noise-cantautorale del trio Saporiti-Iriondo-Prette

Todo Modo on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.