Vök

Figure

2017 (Nettwerk/Bertus) | dream-pop, electro

Reykjavik 2017, fra ghiacci, geyser e aurore boreali, la buona musica è una costante: da Bjork e i Sigur Ros in poi l'Islanda è diventata un'isola che non percepiamo più come troppo distante, con quel sottobosco artistico in continuo fermento.
L'ultima novità in ordine di tempo è rappresentata dai Vök, affacciatisi sul mercato discografico con un paio di Ep, e ora pronti al grande salto grazie a un disco caldo e piacevole, che parte dalla narcosi trip-hop molto Portishead di "Breaking Bones" (con la fascinosa voce di Margrét Ràn Magnùsdòttir che si mette in scia al mito di Beth Gibbons) per gettarsi fra le braccia ora degli XX e ora dei Daughter.

Qualità e pulizia sono le direttrici principali di dieci tracce malinconicamente avvolgenti ("Don't Let Me Go", "Crime") che sublimano gli inconfondibili istinti electro mantenendo sempre accesa la miccia di quella tensione emotiva che si muove sottopelle ("Polar").
"Figure" è un disco dream-pop elettronico elegante e raffinato, denso di beat morbidi ("BTO") che ne definiscono l'estetica, con il suono balearico degli XX - perfetto da servire al tramonto - che emerge in particolare nella title track e in "Show Me", influenzando in maniera determinante l'intero lavoro, sino al pianoforte che introduce la conclusiva "Hiding", il tocco atmosferico fragile e notturno che fissa l'istantanea finale.

(03/05/2017)

  • Tracklist
  1. Breaking Bones
  2. BTO
  3. Figure
  4. Polar
  5. Floating
  6. Don't Let Me Go
  7. Show Me
  8. Crime
  9. Lightning Storm
  10. Hiding


Vök su OndaRock
Recensioni

VöK

In The Dark

(2019 - Nettwerk)
Modalità synth-pop nel secondo lavoro del trio islandese

Vök on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.