Nino Bruno e Le 8 Tracce

Ehi Dei

2017 (Goodfellas) | modern-beat

Correva l'anno 1911. Francesco Bertolini, Adolfo Padovan e Giuseppe De Liguoro erano i cavalli di battaglia della Milano Films. "Le Voyage dans la Lune" di Georges Méliès (primo capolavoro del cinema delle origini) era uscito meno di dieci anni prima, ma i suoi insegnamenti avevano già dato alla settima arte una direzione inequivocabile: la narrazione visiva dei miti letterari della società occidentale. Il trio sopracitato diede, dunque, alla luce una prima e spettacolare interpretazione cinematografica dell'Inferno di Dante Alighieri. Effetti speciali (chiaramente artigianali) all'avanguardia per l'epoca, un'ispirazione artistica dalle illustrazioni di Gustave Doré, un affresco immaginario dipinto nel minimo dettaglio. Il successo di questo esperimento visivo di Bartolini-Padovan-De Liguoro fu lo slancio per una nuova produzione nello stesso anno: "L'Odissea".

La pellicola fu realizzata in occasione del cinquantennio dell'Unità d'Italia per essere proiettata durante il Salone Internazionale di Torino. La versione cinematografica del viaggio epico par exellance ebbe altrettanto successo: in poco meno di quaranta minuti vennero concentrati i drammi umani di una figura mitologica e l'orrore delle creature mostruose avverse all'eroe (realizzate egregiamente per l'epoca). A colmare il vuoto sonoro de "L'Inferno" ci pensò una riedizione del 2002, cui fu aggiunta una colonna sonora dei Tangerine Dream. Per "L'Odissea", anch'essa rigorosamente muta, ci hanno pensato Nino Bruno e le 8 Tracce, un progetto musicale che forse vi tornerà in mente se siete passati per la colonna sonora di "This Must Be The Place", oppure se di tanto in tanto non disdegnate qualche ascolto modern beat.

Proprio il suono del beat è l'expertise che Nino Bruno e i suoi Le 8 Tracce hanno costruito nel corso di una carriera durata oltre dieci anni, passata per la psichedelia di "Cane Telepate", i sapori italici e vintage di "Sei corvi contro il sole" e quelli più internazionali di "Cuore Deserto". Il progetto del compositore napoletano subisce un'espansione di line-up e accoglie al suo interno il musicista Massimiliano Sacchi e una in formissima Zaira Zigante (ex-voce femminile degli Almamegretta). La nuova formazione realizza la sonorizzazione live a "L'Odissea", da cui trae due brani per questo ultimo Ep, con una tavolozza di sonorità più varia rispetto al passato. In totale, questo "Ehi Dei" si compone di quattro tracce decisamente epiche, ispirate a più parti da suoni passati e presenti.

La voce quasi lirica di Zaira apre "Calipso" nel suo dialogo con le divinità (da cui il nome del disco), decorata dai suoni del beat di un sostenuto di chitarra e qualche incursione di fiati. La risposta divina alla ninfa è, tuttavia, ancora migliore, mutando il brano che dal secondo minuto diventa una suite strumentale di un prog raffinatissimo. Segue la reinterpretazione di "Flow My Tears", che riporta immediatamente alla memoria i migliori Renaissance, e l'analogia calza dal momento che il brano è tratto dalla versione del 1596 di John Dowland. In "Itaca Bagno di Sangue" la formazione struttura un'overture (che anticipa "Tips For Winter") costruita a partire da un beat incalzante (con una falcata che sembra firmata dai Dukes Of Stratosphear), ma sormontata da divagazioni barocche e jazzate caratteristiche dei primi King Crimson. Chiude la wave sognante di "Tips For Winter", dai toni più contemporanei rispetto ai canoni della band, a testimonianza di un rinnovato spirito compositivo.

Un po' come furono Le Orme, il progetto di Nino Bruno prende il largo dal beat più tradizionale per affrontare nuove sonorità e sperimentare nuove contaminazioni, senza eccessivi slanci o stravolgimenti. Se una delle realtà più solide e tecnicamente valide della musica italiana (seppur di nicchia) decide di aprirsi al contemporaneo, non resta che attendere un lavoro più completo e capace di aggiungere un capitolo a un genere che in Italia e nel mondo non ha mai smesso di stupire e ispirare.

(30/06/2017)

  • Tracklist
  1. Hei Dei (Calipso)
  2. Itaca Bagno di Sangue
  3. Tips For Winter
  4. Flow My Tears
Nino Bruno e Le 8 Tracce su OndaRock
Recensioni

NINO BRUNO E LE 8 TRACCE

Sei Corvi Contro Il Sole

(2011 - Goodfellas)
Al secondo disco come 8 Tracce, Nino Bruno ci regala un delizioso affresco psych-pop made in Italy ..

NINO BRUNO E LE 8 TRACCE

Cane Telepate

(2009 - La Canzonetta)
Il neo-beat psichedelico del raffinato compositore napoletano

News
Nino Bruno e Le 8 Tracce on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.