C Hồi Hoang

Hiệu ứng trốn chạy

2019 (Hng Đĩa Thời Đại) | indie rock, indie pop

I Cá Hồi Hoang (ossia, "salmone selvatico") sono una band indie rock nata a Hồ Chí Minh nel 2013 e guidata dal cantante Thành Luke e dal chitarrista Nguyễn Thanh Minh. 
La loro storia non è particolarmente tortuosa: ispirati dalla scena alternativa anglofona, ma anche da quella giapponese, hanno autoprodotto la propria musica sin dall’inizio. Complice un crescente interesse locale per la loro proposta, hanno potuto via via permettersi mezzi migliori, fino ad arrivare a registrare video professionali e album dal profilo internazionale, perlomeno dal punto di vista del sound. Certo, la barriera linguistica del vietnamita continuerà probabilmente a precludergli il pubblico occidentale, e del resto i loro album sono distribuiti fisicamente solo in patria. Rimangono tuttavia presenti su YouTube (in parte) e Spotify (per intero), canali non censurati dalle autorità di Hanoi, come invece avviene in Cina. 

“Hiệu ứng trốn chạy” è il quarto album della band ed è stato intervallato da “Qua từng nếp nhăn”, debutto di Luke come solista. Probabilmente anche per via della pur breve pausa, risulta di gran lunga il più maturo e pensato dei loro album, capace di attraversare le sfumature e le correnti più disparate, con una accortezza produttiva degna dei grandi classici del pop alternativo. 
Il titolo si traduce in italiano come “L’effetto della fuga”, e si tratta di una sorta di rock opera che racconta la vita e i pensieri di Bin, ragazzo particolarmente dotato in matematica, che in seguito a una notte insonne tenta di scappare da casa, benché già dopo pochi minuti venga sopraffatto dai dubbi.

La prima canzone, dopo una breve strumentale, si intitola proprio “5Am”, e sta a indicare l’orario in cui Bin prende la sua decisione. Scelta come singolo di lancio, è una cavalcata di indie pop evocativa e ballabile, una sorta di rimodellamento appena più pacato di “What You Know” dei Two Door Cinema Club
“Bin” sfoggia sonorità diametralmente opposte, quasi alla ricerca di uno shock che simboleggi lo spaesamento del protagonista, con un futuristico blues dai timbri saturi (sia per le chitarre, sia per la batteria – in particolare per i suoni più acuti, come i colpi su piatti e charleston). La voce alterna linee limpide a parti più contorte e sofferenti, col microfono effettato.
Se “Inside Mr.Bin” torna dalle parti del singolo, “Khô Khan” è la prima ballata del lotto: quasi tutta rifrazioni di chitarre dream pop, dense di chorus e percussioni appena accennate.
“Bên trái” è forse il brano più originale del lotto: le atmosfere si mantengono dalle parti del dream pop, con voci filtrate e delicate armonie corali, mentre in sottofondo la batteria – suonata con le bacchette per timpano – avanza marziale, benché ovattata. 
Più rassicurante il suono di “Acid8”, ballata vicina ai primi Coldplay, con ritmi programmati alternati a batteria acustica, mentre “Cần một ngày” mantiene l’atmosfera rilassata, quasi rarefatta, e la sposa a un elementare refrain radiofonico, mettendo così in contrasto la semplicità della melodia, vicina alla musica di facile consumo, alla ricercatezza della veste sonora.

Dopo una prima parte di scaletta piuttosto pimpante, il disco imbocca, come si sarà inteso, una serie di lenti, che protrae fino alla conclusione: non è però necessariamente un male, data la maestria dimostrata nel formato in questione. 
“Hiệu ứng cuối cùng e “Gap” vanno in accumulo, partendo dal pianoforte, inserendo via via il resto degli strumenti, come da manuale: batteria che entra cadenzata e finisce col picchiare sui piatti, chitarre celestiali fra rivoli di note acute e riverberate, crescendo di intensità. Le inframezza “Cân bằng (fx)”, il brano più candido del lotto, quasi un modello base dell’indie pop midtempo, con un sopraffino intarsio di chitarre clean, una in accordi e l’altra arpeggiata.

Accade in sostanza che uno dei dischi indie pop più freschi della stagione, e con ogni probabilità il più variegato a livello di stili attraversati, venga pubblicato non in Gran Bretagna o negli Stati Uniti, ma in Vietnam, a riprova di come certe nazioni siano in crescita, non solo economicamente.

(06/10/2019)

  • Tracklist
  1. Hiệu ứng bắt đầu
  2. 5AM
  3. Bin
  4. Inside Mr.Bin
  5. Khô Khan
  6. y
  7. Bên trái
  8. Acid8
  9. Hiệu ứng ngược
  10. Hiệu ứng trốn chạy
  11. Cần một ngày
  12. Tỉnh táo
  13. Hiệu ứng cuối cùng
  14. Cân bằng (fx)
  15. Gap




C Hồi Hoang on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.