Dos Monos

Dos City

2019 (Deathbomb Arc/ BPM Tokyo) | jazz-rap, boom-bap, experimental hip-hop

E se il Giappone avesse trovato nei Dos Monos la sua nuova promessa hip-hop? Non che nel mentre sia rimasto sguarnito di talenti di pregio e Mc di stazza, fa sempre piacere però vedere rimpolpate le fila di un genere che nel paese del Sol Levante si è sempre contraddistinto per coraggio e attenzione alla ricerca. Quanto ad audacia, il qui presente terzetto ha ben poco da invidiare a ben più blasonati interpreti del settore, nazionali e non. Zo Zhit, Taitan Man e Botsu (di più sul loro conto non vi sarà dato chiedere) sciolgono i dubbi dopo una breve sequela di singoli, e spiegano a gonfie vele il loro bislacco bastimento hip-hop, in cui maestria tecnica e sperimentazione a briglia sciolta la fanno da padrone assolute. In rotta di fuga dalle convenzioni del rap contemporaneo, il trio scava nel passato (specie se afferente all'universo jazz) per scovare squarci di futuro, in un forsennato ma piacevolissimo marasma che combina spunti retrò, estratti cinematografici, grassi pattern ritmici di matrice boom-bap e quant'altro a supporto di flow tra i più versatili sulla piazza, che spazzano via la gran parte della sonnolenta concorrenza. Tanto di cappello, per un progetto che ha appena cominciato a muovere i suoi primi passi.

Con le dovute differenze, il senso ultimo dell'intera operazione non si rivela troppo discosto da quanto approntato dall'accoppiata Freddie Gibbs/Madlib, nell'ottica di un recupero sostanziale di attitudini e costrutti appartenenti a decenni passati, capaci ancora però di gettare sprazzi di luce inattesi, che danno slancio all'intera scena. A questo fine, il ricorso a un convulso paradigma di campionamenti, che spaziano dalla linea di sassofono inclusa in “Brilliant Corners” di Thelonious Monk (l'attacco di “In 20xx”) ai dialoghi di “Taxi Driver” (“EPH (wo wo)”) riescono a non suonare obsoleti in un panorama retto da narcolettici triplet trap e aggressivi beat drill, mantenendo un'energia contagiosa e una freschezza produttiva di prim'ordine. Anche la caratterizzazione dei dettagli “atmosferici” e delle tessiture emotive, pur nella durata succinta dei brani, racconta di un terzetto che manovra con grande estro e raffinatezza ogni dettaglio, in grado di potenziare i contorni schizoidi dell'opera con un adeguato controllo sulle progressioni e una grande complicità interpretativa.
In un mood che cangia dall'apocalisse incombente alla disfatta già avvenuta, “Clean Ya Nerves (Cleopatra)” è capolavoro sincretico, in cui armonie glitch-jazz e un pianoforte svalvolato diventano la valvola di sfogo per le confessioni più ermetiche dei Dos Monos, tra menzioni alla tragedia greca, frammenti di storia egizia e accenni alla politica sovietica. “Schizoidian” d'altronde si esplicita sin dal titolo, una babele free-jazz su cui si innestano battiti esplosivi, perfettamente in sintonia con i costanti cambi di flow.

Con il dovuto spazio anche a momenti più distesi (le sinestesie in fascia cLOUDDEAD di “Bacchus”, le dolorose dichiarazioni personali di Zo Zhit nella venture psichedelica di “Agharta”) i Dos Monos confezionano un disco tanto breve nel decorso quanto imponente nella realizzazione, di quelli che profetizzano il lancio di una carriera di peso. Gli ingredienti di qualità proprio non mancano.

(27/08/2019)

  • Tracklist
  1. Cityintro
  2. Theater D
  3. In 20XX
  4. Clean Ya Nerves (Cleopatra)
  5. Daimyō
  6. Bacchus
  7. Muffin
  8. Do Not Freeze!
  9. EPH (wo wo)
  10. Agharta
  11. Schizoidian
  12. Abdication b4 he dies
  13. Dos City




Dos Monos on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.