Colter Wall

Western Swing & Waltzes And Other Punchy Songs

2020 (La Honda) | country

Con il terzo album, “Western Swing & Waltzes And Other Punchy Songs” (quarto per alcuni che considerano il mini “Imaginary Appalachia” come un vero e proprio esordio), Colter Wall mette i puntini sulle "i", conclamando il proprio status di musicista country-western poco incline alla contaminazione. Le dieci tracce sono altrettante variabili sul tema, dieci ballate limpide e cristalline, recuperate in parte dalla tradizione o da stimati autori country.
Solo cinque inediti, quasi a sancire il tono più mesto e poco avventuroso di un disco che si fa apprezzare per il rigore stilistico; una raccolta di autentiche cowboy songs cantate con il pregevole e ormai caratteristico tono baritonale e polveroso di Wall. Una prova di maturità per il musicista canadese, che con “Western Swing & Waltzes And Other Punchy Songs” ha conquistato il primo posto nella classifica country americana, grazie alla scelta di concentrare l’attenzione su uno stile rurale e pioneristico, con honky tonk, western swing e ragtime in prima fila, accantonando, in parte, le radici montanare, e affinando la tecnica vocale con un vibrato tremolante e un lieve accenno di tecnica yodel.

Licenziato Dave Cobb al tavolo di produzione, Wall affonda le mani nella tradizione pre-Nashville con due classici (“Big Iron”, “I Ride An Old Paint/Leavin' Cheyenne”) restituiti senza eccessi e con la giusta  dose di pathos. Violini, dobro, armonica e pedal steel restano fedeli ad atmosfere vintage, tra sonorità minimali che accarezzano le ambientazioni più tradizionali di “Diamond Joe” e “High & Mighty”, e rendono affini per carattere e genuinità le poche tracce scritte da Wall: il talkin country di “Talkin' Prairie Boy”, il brano da dance-hall “Rocky Montain Rangers”, la prevedibile confidenzialità di “Houlihans At The Holiday Inn”, l’incisiva title track e la superflua “Henry And Sam”.

Misurarsi con il passato ricorrendo a brani classici e tradizionali ha senz’altro aperto le porte del successo a Wall, musicista dotato del giusto carisma per il ruolo di moderno outlaw, ma doversi confrontare in futuro con la unicità dei vecchi country-singer è una sfida non facile da vincere.
Nel frattempo, il musicista archivia il progetto più fragile. “Western Swing & Waltzes And Other Punchy Songs” è un album godibile, ma conferma solo in parte il potenziale di Colter Wall.

(07/10/2020)



  • Tracklist
  1. Western Swing & Waltzes
  2. I Ride An Old Paint / Leavin' Cheyenne
  3. Big Iron
  4. Henry And Sam
  5. Diamond Joe
  6. High & Mighty
  7. Talkin' Prairie Boy
  8. Cowpoke
  9. Rocky Montain Rangers
  10. Houlihans At The Holiday Inn




Colter Wall su OndaRock
Recensioni

COLTER WALL

Songs Of The Plains

(2018 - Thirty Tigers)
Una voce unica che non ha bisogno di molti orpelli e trucchi per catturare l'attenzione degli amanti ..

COLTER WALL

Colter Wall

(2017 - Young Mary's Record Co./Thirty Tigers)
Vecchie suggestioni per il sorprendente esordio di un giovane country-singer

Colter Wall on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.