Health

DISCO4:: Part I

2020 (Loma Vista) | noise, ebm, outrun, synthwave, industrial

La band californiana Health ha avuto un percorso significativo nei suoi quindici anni di carriera. Nata come un progetto noise-rock formato da Benjamin Jared Miller, Jake Duzsik, John Famiglietti e Jupiter Keyes, molto presto ha aggiunto elementi di natura elettronica, dance, industrial, alt-pop al proprio suono in maniera sempre più progressiva. In parte questo sviluppo è stato segnato anche dalla loro serie di lavori a nome “DISCO”, ovvero i remix album di accompagnamento che hanno seguito la loro produzione principale, offrendo reinterpretazioni dei loro pezzi da parte di nomi della scena elettronica alternativa come Crystal Castles, Pictureplane, Salem, Purity Ring, JK Flesh.

Con “DISCO4 :: Part I” il discorso intrapreso in questi dischi viene portato alla sua naturale evoluzione: dal remix alla collaborazione originale, presentando dodici pezzi dove gli Health condividono la stesura con Perturbator, 100 Gecs, Ghostemane, Youth Code, Full Of Hell, The Soft Moon, JPEGMAFIA, Brothel, Soccer Mommy, Xiu, Xiu, No Life. Un suono quindi variegato, che passa da commistioni synthwave a tratti Edm, dall'hip-hop underground alla electro-industrial, dal punk e post-punk al rock di matrice indie.

L’atmosfera generale è quella dei loro ultimi due album “Death Magic” e “Vol.4 :: Slaves Of Fear”, ovvero un mix di melodie e attacchi taglienti dove la voce sognante di Jake Duzsik fa da collante tra i diversi elementi, qui a volte accompagnatadal collaboratore di turno. Un suono che sa essere urbano e futuristico, tra tendenze cyber-punk e concretezze esistenziali distorte, addolcite da tratti pop sapientemente dosati.
Se la traccia di apertura “CYBERPUNK 2.0.2.0.”, l’unica che vede gli Health in solitario, unisce malinconie dark dai fraseggi emotivi e ariosità elettroniche in un pezzo pensato per la colonna sonora dell’omonimo videogioco, la successiva “BODY/PRISON” è un pezzo dark-synth distopico e incalzante, dove Perturbator crea un'ottima struttura sulla quale i suoni spezzati tipici degli Health trovano perfetta collocazione.

“JUDGEMENT NIGHT” è un pastiche horrorcore dove le parti claustrofobiche di Ghostmane, tali tanto nei suoni quanto nelle sue vocals isteriche, si alternano con le oasi melodiche degli Health, trovando poi sintesi nel ritornello. “INNOCENCE” è uno dei momenti migliori del disco, una fusione tra le cavalcate industriali, la furia hardcore degli Youth Code e le malevoli pacatezze del gruppo ospitante, capaci di rendere il tutto ancora più minaccioso per contrasto.
Altri momenti di nota sono sicuramente “COLORS” con The Soft Moon, brano di post-punk moderno che non fa il verso ai classici del passato, trovando la propria strada tra chitarre sognanti e improvvisi cambi di registro dalle tensioni ritmiche ossessive e marziali, e la traccia post-witchouse “D.F. LOOKS”, dove gli Health tornano a flirtare con un genere che hanno toccato in passato, questa volta in compagnia dei Brothel, tra vocals modificate dai toni bassi e suoni spezzati.

“DISCO4 :: Part I” funziona molto bene come lavoro che fa il punto della situazione sul suono e sull’estetica degli Health, nonché sulla loro posizione peculiare nel mondo della musica. Se non tutte le tracce danno lo stesso motivo d’interesse e non tutte presentano lo stesso livello di  riuscita, il viaggio vale comunque sempre il biglietto di ammissione, anche solo per il modo in cui mette in chiaro le aspirazioni della band. Un progetto che non può essere più definito come prettamente underground o lontano dal mainstream, ma che allo stesso tempo cerca sempre di “nascondere la lametta nella mela” dando spazio in strutture tradizionali a generi che provengono dal sottobosco sonoro d’oltreoceano. Staremo a vedere se seguirà una seconda parte di questo percorso collaborativo che mostra degli spunti interessanti e regala anche qualche gemma.      

(08/01/2021)



  • Tracklist
  1. Health - Cyberpunk 2.0.2.0.
  2. Perturbator - Body/Prison
  3. 100 Gecs - Power Fantasy
  4. GhosteMane - Judgment Night
  5. Youth Code - Innocence
  6. Full Of Hell - Full Of Health
  7. The Soft Moon - Colors
  8. Jpegmafia - Hate You
  9. Brothel. - D.F. Looks
  10. Soccer Mommy - Mass Grave
  11. Xiu Xiu - Delicious Ape
  12. Nolife - Hard To Be A God






Health su OndaRock
Recensioni

HEALTH

Death Magic

(2015 - Fiction/Caroline)
La band di Los Angeles cerca e trova maggior coesione tra le proprie diverse anime

HEALTH

Get Color

(2009 - Lovepump United)
Il secondo album della formazione losangelina, in bilico tra suggestioni noise e industrial

HEALTH

Health

(2007 - Lovepump United)
La new thing dell'indie-noise di Los Angeles debutta sulla lunga distanza

Live Report
Health on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.