:Of The Wand & The Moon:

Sonnenheim (ristampa)

2020 (Heišrunar Myrkrunar) | neofolk

Con “Sonnenheim” Kim Larsen, in arte :Of The Wand & The Moon:, realizzò, nell’ormai lontanissimo 2005, una vera e propria pietra miliare per il neofolk degli anni Zero. Oggi, quello che si può tranquillamente considerare il capolavoro dell’artista danese, viene finalmente ristampato in doppio vinile dorato in edizione limitata, sempre per la label Heiðrunar Myrkrunar ma con la distribuzione affidata alla Tesco Organisation.
Siamo di fronte a un disco fondamentale per comprendere l’evoluzione del genere in quegli anni di difficile passaggio generazionale. In diversi brani troviamo il tedesco Andreas Ritter (Forseti), altro indimenticabile protagonista di quel periodo, a dar man forte a Larsen, qui capace come non mai di dipingere scenari malinconici che emergono da un folk acustico perturbato da lievi effetti elettronici e campionamenti vari. Musica per esprimere l’inesprimibile, che guarda al passato e alle mai dimenticate tradizioni scandinave, anche a partire dall’immagine di copertina che mostra un palo addobbato per la cerimonia del solstizio d’estate. Si tratta della celebre festa di Midsommar, una delle ricorrenze più importati in Svezia, Danimarca e Norvegia. Del resto, uno dei più celebre brani targati :Of The Wand & The Moon: è proprio “Summer Solstice”, ancora oggi una delle canzoni più emozionanti e rappresentative del miglior folk neopagano. 

Summer solstice glorious and golden
Summer solstice fertile and gilden
A homage to life in all it's bloom
Circle of the sun rekindle the fire

In generale, quelle contenute in “Sonnenheim” sono tutte canzoni da cantare attorno a un fuoco che scalda l’anima, mentre siamo ben lontani da una modernità che come un virus mortale infetta lo spirito e offusca le coscienze. Kim Larsen con questo album si confermò il degno erede di Death In June e Sol Invictus, un artista vero, capace di proseguire nella via indicata dai maestri e di approfondire il versante più legato alla tradizione e alla cultura nordeuropea ma anche di scrivere di oscuri tormenti sentimentali ed esistenziali. Si ascolti una traccia meravigliosa come “My Black Fate”, capace ancora oggi di deliziare e straziare ogni cuore nero che si rispetti.

“Wonderful Wonderful Sun” apre la seconda parte dell’album (la seconda facciata del primo vinile) ed è una magnifica ode al sole, fonte di vita dai colori simili al sangue, capace di trasformare il dubbio in polvere e di smuovere la volontà di chi si sente chiamato all’azione. Fanno da contraltare le nebbie notturne della successiva “Camouflage”, vero inno a una notte passata in compagnia di lupi e di venti implacabili.
“Hail Hail Hail II” è la versione di un celebre singolo in sette pollici di :Of The Wand & The Moon: che vedeva sul lato B anche la cover di “Benediction/Malediction” dei Current 93. Il verso “Hail hail hail these runes they will prevail” rimanda a quelle visioni mitologiche di stampo odinista che ancora oggi echeggiano nel lavoro di artisti come Wardruna e Forndom, tutti musicisti appartenenti alla nuova onda ritual folk nordica che, a livello di sostanza dei contenuti più che di forma dell’espressione, si pongono nel solco tracciato da artisti come Fire + Ice, Blood Axis, Sonne Hagal, Forseti e naturalmente dello stesso Larsen.

Il secondo vinile della ristampa vede sulla prima facciata “I Shall Feast”, brano sospeso tra riverberi e nere, misantropiche atmosfere. La canzone apre la strada alle tenere melodie di “Like Wolves” e soprattutto a “Winter Solstice”, altro inno alla ruota delle stagioni da riascoltare nel momento più oscuro dell’anno, durante lo yuletide quando, secondo la mitologia nordica, si apre la caccia selvaggia di Odino accompagnato della cariche delle sue valchirie. Non a caso, il lato A del secondo disco si chiude con i sinistri loop di “Let Odin Rise Again”.
L’ultima parte dell'album vede alcune versioni inedite dei brani più celebri di “Sonnenheim” che sicuramente faranno la felicità dei collezionisti. Sono versioni brevi con arrangiamenti più diretti ma comunque sempre espressivi ed efficaci.

Siamo di fronte a un’ottima riedizione con una pregevole grafica e un elegante artwork realizzato con scritte e immagini in rilievo. Un doppio vinile che non può mancare nelle case di ogni vero appassionato di certe sonorità, nonché un’ottima scusa per riascoltare ancora oggi uno dei capolavori del neofolk.
“…By My Will And Misanthropy…” come recitano le note che accompagnano l’album.

(09/01/2021)



  • Tracklist
  1. Black Moth
  2. Nighttime In Sonnenheim
  3. Summer Solstice
  4. Honour
  5. My Black Faith
  6. Wonderful Wonderful Sun
  7. Hollow Upon Hollow
  8. Camouflage
  9. Lieblos Hin Zur Dunkelheit
  10. Hail Hail Hail II
  11. Here's An Ode
  12. I Shall Feast
  13. Like Wolves
  14. Winter Solstice
  15. Let Odinn Rise Again
  16. Honour
  17. Camouflage
  18. My Black Faith
  19. Nighttime In Sonnenheim
  20. Wonderful Wonderful Sun
:Of The Wand & The Moon: on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.