Vacant Lots

Interzone

2020 (Fuzz Club) | post-punk, elettronica, psych-pop

Non stupisce che dietro l’esordio ufficiale del 2014 di Jared Artaud e Brian MacFadyen, ovvero i Vacant Lots, ci fosse la figura di Alan Vega dei Suicide. Nell’ultradecennale carriera del duo di base a New York, le coordinate creative hanno infatti tenuto fede alla miscela di rockabilly, post-punk, psichedelia ed elettronica della seminale band di Martini Rev e Alan Vega. “Interzone” nasce sotto il patrocinio della dinamica etichetta inglese Fuzz Club, e concilia le già note attitudini dei Vacant Lots con uno spirito dance da band synth-noir-disco, ovvero quelle perfette per la colonna sonora di una serata in un club alternative/dark di Berlino, Londra, o New York.

Negli anni il percorso artistico dei Vacant Lots si è incrociato con personaggi dal pregevole curriculum (tra gli altri Sonic Boom - ex-Spacemen 3 - Dean Wareham - Galaxie 500 - Anton Newcombe - The Brian Jonestown Massacre) ed è dunque naturale che nelle otto tracce ci siano echi delle varie collaborazioni passate.
A tutto ciò si aggiungono le influenze culturali e letterarie che hanno come filtro principale la figura di William Burroughs: il nome della band è infatti ricavato dal primo titolo scelto dall’autore per quello che poi diventerà “The Naked Lunch”. Anche il titolo del nuovo album è estratto da un racconto di Burroughs, “Interzone”, che già offrì ispirazione ai Joy Division.

Con tutte queste premesse è facile intuire il percorso creativo dell’album, ma guai a ipotizzare un progetto nostalgico/passatista: i Vacant Lots sfoderano il meglio delle armi a loro disposizione per un disco godibile e palpitante.
Poco più di trenta minuti per “Interzone”, tra citazioni dei Joy Division in chiave New Order (“Endless Rain”), incalzanti ritmi post-punk agghindati da elettronica anni 80 (“Exit”), gioiellini pop-wave che si fanno perdonare l’affabile refrain (“Fracture”) e un vivace tocco dance-noise che sposa un riff stile Rolling Stones all’ossessività contagiosa dei Jesus And Mary Chain (“Rescue”).

E’ una musicalità gelida e robotica dai velati toni kraut, quella che affiora in “Into The Depths”, ed è aliena e monocromatica l’ancor più asettica e battente “Payoff”, che incastra Kraftwerk e Lcd Soundsystem.
Per fortuna, l’evoluzione dance dei Vacant Lots non è frutto di un epicureismo fine a se stesso, ma di una consapevolezza e di un equilibrio che offrono il fianco anche a frammenti di spiritualità, quelli accennati dalle morbide e felpate note quasi lounge di “Station” e dalle più antropiche e psichedeliche tribolazioni alla Anton Newcombe della traccia finale “Party's Over”.

Abile sintesi di linguaggi sonori culturalmente affini ma non necessariamente collimanti, il terzo disco ufficiale dei Vacant Lots cattura quella spiritualità rock’n’roll che ha tracciato un percorso unico nell’evoluzione della musica moderna: sfrontata e sessuale nei primi anni 60, glamour e introspettiva nei 70, decadente e noir negli 80 e 90, aliena e ossessiva durante l’esplosione della club culture e della sbornia rave, e infine ancora autentica nel pur enorme calderone contemporaneo.
“Interzone” è un deciso passo avanti per il duo di New York. Jared Artaud e Brian MacFadyen danno prova di conoscere bene tutte le implicazioni culturali e generazionali che si nascondono dietro le palesi influenze musicali. Con un briciolo di coraggio e azzardo in più, potrebbero passare dal ruolo di attori di primo piano ad autentici registi e sceneggiatori di un’avvincente narrazione della musica rock contemporanea.

(22/11/2020)



  • Tracklist
  1. Endless Rain
  2. Into The Depths
  3. Rescue
  4. Exit
  5. Fracture
  6. Payoff
  7. Station
  8. Party's Over




Vacant Lots su OndaRock
Recensioni

VACANT LOTS

Departure

(2014 - Sonic Cathedral)
I pupilli di Alan Vega e Dean Wareham all'esordio su Lp

Vacant Lots on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.