AFI

Bodies

2021 (Ex Noctem Nacimur) | post-punk, goth-rock, pop-punk

Dopo quattro anni di attesa, gli statunitensi AFI (A Fire Inside) decidono di scoprire le carte in tavola e aprirsi del tutto al loro amore per le sonorità wave anni 80: "Bodies" è un lavoro nostalgico, curato nella ricerca sonora, innaffiato di atmosfere lievemente malinconiche ma senza strafare, guidato dalla voce espressiva di Davey Havok. 

Se si eccettua l'iniziale "Twisted Tongues", catchy e solare, e alcune parentesi un po' più schitarrate come le punk-pop "Looking Tragic" e "No Eyes", il lavoro pesca a piene mani dal periodo post-punk e dark. Ci sono nenie cullanti che ricordano i Cure ("Dulcería") e gli Smiths ("On Your Back"), piccole pennellate synth-pop miscelate agli arrangiamenti chitarristici punkeggianti ("Escape From Los Angeles", sorta di incrocio tra Depeche Mode e Misfits), rimandi ai Siouxsie and the Banshees e ai New Order ("Death Of The Party"), malinconici mix tra Joy Division e Green Day ("Begging For Trouble").

La fedeltà sincera e appassionata a certe sonorità è apprezzabile, la volontà di seguire la propria ispirazione anche, ma a mancare spesso è la scrittura delle canzoni. Gli AFI alternano pezzi forse non brillanti, ma genuini, ispirati nelle tonalità e negli umori, ad altri che suonano rattoppati, con pochi spunti melodici senza troppa convinzione e mordente.
In particolare, le canzoni più carismatiche si concentrano nella prima metà dell'album, mentre nella seconda si fanno più stantie, quasi esercizi di stile fini a sé stessi. La finale "Tied To A Tee" è una marcia funebre dolceamara in cui il gruppo cerca di esaltare l'atmosfera, ma è penalizzata dalla ripetitività, dal contrasto non efficace tra gli arrangiamenti volutamente scarni e il ritornello emotivo, e dall'improvvisa conclusione non enfatica.

Per la maggior parte, le canzoni sono brevi, retaggio delle origini del gruppo, il che da un lato è un aspetto positivo perché il disco scorre immediato e fluido, ma dall'altro fa suonare il tutto meno sviluppato e profondo di quanto potrebbe. Gli AFI hanno però trovato gli ingredienti a loro più congeniali e si può riporre fiducia nel futuro.

(11/07/2021)

  • Tracklist
  1. Twisted Tongues
  2. Far Too Near
  3. Dulcería
  4. On Your Back
  5. Escape From Los Angeles
  6. Begging For Trouble
  7. Back From The Flesh
  8. Looking Tragic
  9. Death Of The Party
  10. No Eyes
  11. Tied To A Tree
AFI su OndaRock

Monografia

AFI

Cantando il dolore

Recensioni

AFI

AFI (The Blood Album)

(2017 - Concord)
Il ritorno della formazione americana tra melodia e ripresa di alcuni spunti del suo passato

AFI on web

Sito ufficialePagina Facebook / Testi



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.