Balthazar

Sand

2021 (Play It Again Sam) | sophisti-pop, indie-pop

Dopo aver raccolto in "Fever" (2019) tutti gli aspetti del tipico stile Balthazar, comprimendoli abilmente in un disco indie dal groove accattivante e ballabile, non c'era molto altro da rielaborare dal passato creativo della band belga: il limite era già stato raggiunto. Il nuovo album "Sand" porta fortunatamente rigenerata freschezza, con alcune piccole idee sparse qua e là che influenzano positivamente l'ascolto e finalmente permettono di gustare la musica della formazione capitanata da Devoldere e Deprez da una prospettiva diversa.

Il disco si presenta abbastanza solido e, seppur privo di brani in grado di spiccare, ha la qualità di donare inedite sfaccettature a un ascolto ripetuto. Una dimostrazione emblematica vive nelle audaci sonorità di "I Want You": un ritmo caldo, sorretto da percussioni ipnotiche e lontani suoni di sintetizzatori anni 80 affogati in raffinati ottoni nell'elegante affresco dipinto in "Halfway", un sentito crescendo corredato da amabili intrecci vocali e nel minimalismo con cui le note di pianoforte aprono "Hourglass", effettata con incisi elettronici mai troppo invasivi.
Il singolo "Losers" - nel testo una simpatica citazione a Paolo Conte - resta ancora legato agli antichi concetti stilistici del gruppo, ma lo fa in modo seducente e con proverbiale capacità glamour, grazie a un funk speziato da chitarre desertiche e alla voce di Devoldere, che da calda e distaccata si fonde nel celebre falsetto Balthazar.
"On A Roll" riecheggia barlumi di Alt-J, "You Won't Come Around" è un sognante racconto guidato dalla drum machine, mentre "Hourglass" è ispirata fortemente dai suoni della disco anni 70.

Il tentativo che i Balthazar hanno apportato al loro approccio con l'obiettivo di ampliare il proprio bagaglio stilistico è sicuramente apprezzabile e per certi versi ben riuscito. L'eleganza che li ha sempre contraddistinti resta intatta e questo è certamente un pregio non trascurabile; resta viva la sensazione che a "Sand" manchino quei sussulti che avrebbero caratterizzato con maggior vivacità una proposta d'indie-pop ben finalizzata.

(03/03/2021)

  • Tracklist
  1. Moment
  2. Losers
  3. On A Roll
  4. I Want You
  5. You Won't Come Around
  6. Linger On
  7. Hourglass
  8. Passing Through
  9. Leaving Antwerp
  10. Halfway
  11. Powerless


Balthazar su OndaRock
Recensioni

BALTHAZAR

Thin Walls

(2015 - PIAS)
Il ritorno del quintetto belga prova a perfezionare la formula tracciata con “Rats”

BALTHAZAR

Rats

(2012 - PIAS)
Il quintetto belga tallona un pop essenziale e asciutto

Balthazar on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.