Connan Mockasin

Jazzbusters Two

2021 (Mexican Summer) | soul-psych-pop

Che le avventure di Bostyn e Dobsyn, i due protagonisti dell'album "Jazzbusters", non fossero finite l'avevamo già intuito dalle note dell'ultima traccia "Les Be Honest". A distanza di tre anni Connan Mockasin scioglie i dubbi, e con un mini-album di soli 27 minuti mette la parola fine al surreale racconto del professore Bostyn e dell'alunno Dobsyn, anche se le vicende dei due storici personaggi, creati dal musicista neozelandese, quasi certamente torneranno prima o poi al centro della narrazione.

"Jazzbusters Two" non tradisce la scelta creativa di registrare improvvisate jam session messe a punto con un minimo canovaccio sonoro e figurativo. È già accaduto nel recente disco realizzato con il padre Ade Hosford "It's Just Wind" e accade di nuovo. Mockasin fa scivolare una sequenza di note e di accordi che appaiono composti in un piacevole stato d'ebbrezza. Solo che questa volta i prototipi stilistici, il caramelloso soul psichedelico, il mood jazz-blues notturno, l'estatica e sibillina dolcezza, e l'obliquità del suono della chitarra, assecondano un set di canzoni impalpabili, prive di una consistenza fisica che riesca quantomeno a renderle più interessanti di un pigro esercizio di stile.

Al di là di un'atmosfera intelligentemente rilassante, della reiterata scelta di non usare più distorsioni vocali e di lasciare in prima linea il flebile falsetto dell'autore, c'è poco da segnalare in "Jazzbusters Two". Tranne i pochi secondi destabilizzanti che introducono le umide note jazz-funky di "Flipping Poles", i rintocchi del Big Ben che fanno capolino insieme a un coro di voci di bambini festosi in vari episodi del disco (la citazione dell'"Aria sulla quarta corda" di Johann Sebastian Bach in "K Is For Klassical", il lieve scossone al torpore armonico offerto in parte da "Maori Honey"). Il nuovo album di Mockasin è solo un grazioso saggio d'improvvisazione e cazzeggio, buttato giù senza molta convinzione.

Grazie al sempre abile tocco dell'autore, tutte le composizioni si guadagnano senza sforzo l'appellativo di carino (vedi "Shaved Buckley", "In Tune", "She's My Lady"), ma al di là del potenziale e piacevole effetto soporifero, c'è ben poco da salvare in questo album, pubblicato peraltro solo in vinile in edizione limitata, e dunque alla portata di pochi instancabili fan, che a loro modo troveranno di che amare e deliziarsi. Insomma, questa volta è difficile che il lavoro di Connan Mockasin superi lo scoglio dell'ascolto incidentale e occasionale.

(11/11/2021)

  • Tracklist
  1. Jass Two
  2. K is for Klassical
  3. Flipping Poles
  4. In Tune
  5. Maori Honey
  6. She's My Lady
  7. Shaved Buckley


Ade & Connan Mockasin su OndaRock
Recensioni

ADE & CONNAN MOCKASIN

It's Just Wind

(2021 - Mexican Summer)
L'estemporaneo progetto, in collaborazione con il padre, del musicista neozelandese

CONNAN MOCKASIN

Jassbusters

(2018 - Mexican Summer)
L'alieno neozelandese è sceso sulla terra ma ha portato con sé i vecchi amici Bostyn ..

CONNAN MOCKASIN

Caramel

(2013 - Mexican Summer)
La psichedelia del neozelandese si tinge di soul caramelloso per un album in bilico tra tormento ed estasi ..

CONNAN MOCKASIN

Forever Dolphin Love

(2011 - Because)
Pubblicata in Europa la geniale saga sonora dell'artista neozelandese

CONNAN MOCKASIN

Please Turn Me Into The Snat

(2010 - Phantasy Sound)
Schizzi, sberleffi, suoni obliqui per un jazz-pop psichedelico dai tratti originali e imprevedibili

News
Connan Mockasin on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.