Coral

Coral Island

2021 (Modern Sky UK / Run On) | indie-rock, neo-psichedelia

"A Coral Island puoi innamorarti...". In effetti, sono tanti gli appassionati che, da quasi due decenni, si sono fatti sedurre da questa scaltra band di ormai ex-ragazzini in grado di sparare intriganti trappole psichedeliche dal loro omonimo debutto. Dopo anni passati a sfornare altalenanti produzioni, che hanno comunque preservato uno stile invidiabile, la band del Merseyside è tornata con il progetto probabilmente più ambizioso finora proposto.

"Coral Island" - primo concept - si concretizza sulle creazioni narrative del tastierista Nick Power, impostate in un'immaginaria nostalgia del periodo d'infanzia visto attraverso gli occhi di adulti che ricordano i giorni inebrianti costellati di balli e zucchero filato. I Coral lasciano rosolare le canzoni nella loro tipica psichedelia sognante. La voce di James Skelly brama dappertutto, mentre canticchia melodie malinconiche e penetranti.
I pontili del molo, i portici e gli spettacoli, i saltimbanchi che svettano sulle spiagge di ciottoli riempiono l'immaginario; i lati opposti della storia sono situati nei picchi scintillanti di dorate stagioni estive, seguite dalle desolazioni autunnali e dai personaggi spettrali che ancora popolano le passerelle e le bancarelle deserte.

La prima parte del disco trabocca di gioia. Il singolo "Lover Undiscovered" salta e scivola con grazia, mentre "Mist On The River", con le note d'organo in apertura, riporta alle sonorità dell'eccellente "Magic And Medicine" del 2003.
I brani sono legati da prose recitate dal nonno di James e Ian Skelly, filtrate attraverso un effetto eco abile nel conferire l'affascinante aria di mistero. È grazie a queste scelte che i Coral sono riusciti a intrecciare le proprie idee nella costruzione di un concept che richiama strutturalmente storiche opere a tema quali la seconda parte di "Ogdens' Nut Gone Flake" degli Small Faces o il classico "S.F. Sorrow" dei Pretty Things.

Tra i momenti salienti risalta "Vacancy", avventura senza tempo basata sugli squilli di un Wurlitzer che si avvolge sotto una melodia stordita e che immortala i festosi ricordi di sale danzanti brulicanti di allegria. Atmosfera magistralmente spezzata da "Autumn Has Come", traccia che segna una netta inversione dell'esuberanza aleggiante finora; le giostre si stanno spegnendo, le onde fredde iniziano a lambire la costa: una trama che anticipa la mesta atmosfera che percorre tutta la seconda parte dell'Lp. La fotografia perfetta, in tal senso, è quella scattata in "The Ghost Of Coral Island", con la sua mestizia nell'osservare l'inerzia dei rimasugli lasciati dall'estate, o nell'acustica "Old Photographs", dove si delineano tutte le divertenti sfumature dei momenti appena passati.
Per la conclusiva "The Calico Girl" non vi è quasi più ombra della band, con James Skelly lasciato solo nelle vesti di suonatore ambulante, in piedi, ad aspettare invano il ritorno dei turisti.

Quando i Coral chiusero "Move Through The Dawn" con l'affascinante "After The Fair", stavano comunicando la necessità di aggrapparsi alla genuinità dei valori semplici, di inseguirli in caso di fuga e di guardare al domani con maggiore speranza. È proprio in quel momento che sono stati sparpagliati i semi di "Coral Island", album che entra di diritto tra i passi migliori della band inglese. Una storia intensa e nostalgica che si estende nel corso di ventiquattro tracce descriventi un mondo all'interno di un altro, una fuga dalla realtà che risuona profondamente fantastica ma, in fondo, maledettamente reale.

(04/05/2021)

  • Tracklist
  1. Welcome To Coral Island
  2. Lover Undiscovered
  3. Change Your Mind
  4. Mist On The River
  5. Pavillions Of The Mind
  6. Vacancy
  7. My Best Friend
  8. Arcade Hallucinations
  9. The Game She Play
  10. Autumn Has Come
  11. The End Of The Pier
  12. The Ghost Of Coral Island
  13. Golden Age
  14. Faceless Angel
  15. The Great Lafayette
  16. Strange Illusions
  17. Summertime
  18. Telepathic Waltz
  19. Old Photographs
  20. Watch You Disappear
  21. Late Nights At The Borders
  22. Land Of The Lost
  23. The Calico Girl
  24. The Last Entertainer


Coral su OndaRock
Recensioni

CORAL

Move Through The Dawn

(2018 - Ignition)
Svolta in chiave soft-rock decadente per il quintetto inglese

CORAL

Distance Inbetween

(2016 - Ignition)
Il nuovo sole velato della band del Merseyside

CORAL

The Curse Of Love

(2014 - Skeleton Key)
Il nuovo album della band del Merseyside, vecchio di nove anni

CORAL

Butterfly House

(2010 - Deltasonic)
Il nuovo album della band di Liverpool, tra nostalgie psichedeliche e ansie di rinascita spirituale

CORAL

Roots & Echoes

(2007 - Columbia)
Quinto album e sintomi di crisi per il gruppo inglese

CORAL

The Invisible Invasion

(2005 - Deltasonic)
Prima svolta in carriera per il giovane sestetto del Merseyside

CORAL

Nighfreak And The Son Of Becker

(2004 - Deltasonic)
Un mini-album che può considerarsi un nuovo disco della giovane band inglese

CORAL

Magic And Medicine

(2003 - Deltasonic)
Il secondo lavoro della band di Liverpool, dopo il fortunato debutto del 2002

Coral on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.