Crumb

Ice Melt

2021 (Autoprodotto) | indie pop, trip-hop

Pur con all’attivo un solo vero disco (“Jinx” del 2019), i californiani Crumb, grazie a gustosi singoli sparpagliati tra succitato disco ed Ep (dei quali andrebbe certamente ascoltato “Locket” del 2017), hanno racimolato decine di milioni di ascolti su Spotify (che oggi, piaccia o no, è un efficace termometro della diffusione di una band, ben più che un piazzamento in classifica lungo una settimana) e un discreto e appassionato seguito.
La ricetta dei Crumb è di quelle semplici e sicure: indie-pop notturno, buono per bere un cocktail tra amici quanto come fondale per una chiacchierata intima. Ritmi marcati e sensuali e una voce, quella di Lila Ramani, fievole ma ammiccante, che si lascia ispirare spesso e volentieri dalle eroine del dream-pop e del trip-hop.

Nel comunicato stampa che accompagna “Ice Melt”, il cui titolo è ispirato alla mistura salina utilizzata per sciogliere il ghiaccio sulle strade, la band ci fa sapere che si tratta di un “ritorno a terra”. Non è probabilmente quello che intendeva il quartetto, ma un passo indietro dal punto di vista degli incastri ritmici sentiti in “Locket” è evidente. In questo secondo Lp tutto sembra difatti più semplice, in un certo senso meno ambizioso, di quanto sentito in precedenza. Il bassista James Brotter e il batterista Jonathan Gilad si tolgono qualche sfizio, però, nella krauta “BNR” e nell’assalto finale di “L.A.”.
Tra bassi che pompano in sottofondo come un cuore vivo e sintetizzatori al neon, l’impatto oscuro dei brani è preservato e il disco riesce spesso ad ammaliare, anche quando, come in “Trophy”, ricalca troppo la grafia dei Portishead.

Va sicuramente citata anche una “Balloon” che ipnotizza con il suo battito insistente e un giro di tastiera dal gusto orientale. Questa cura per i dettagli, frutto molto spesso dell’ingegno del talentuoso polistrumentista Brian Aronow, garantisce alla musica dei Crumb forte personalità e scongiura il rischio, corso da tante composizioni affini, di suonare come un buon sottofondo da centro commerciale.

(09/05/2021)

  • Tracklist
  1. Up & Down
  2. BNR
  3. Seeds
  4. L.A.
  5. Gone
  6. Retreat!
  7. Trophy
  8. Balloon
  9. Tunnel (all that you had)
  10. Ice Melt


Crumb su OndaRock
Recensioni

CRUMB

Jinx

(2019 - Self Released)
Uno stimolante mix di hypnagogic pop e psych-pop per l'esordio della band americana

Crumb on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.