Emma-Jean Thackray

Yellow

2021 (Movementt) | jazz, big band, psichedelia

Un profilo defilato da vera anti-diva, quasi a volersi proteggere da ogni hype di troppo. Peccato solo che l'espediente non stia funzionando granché, complice anche una moltitudine di talenti impossibile da ignorare: autrice, compositrice e produttrice, cantante e polistrumentista a proprio agio sia tra gli ottoni che con l'elettronica, e finanche dj quando si tratta di fare un allungo all'universo della musica house. Nativa dello Yorkshire, Emma-Jean Thackray se le canta e se le suona da sola, e "Yellow" arriva a coronare una discreta carriera fitta di Ep e collaborazioni - non ultima una presenza sull'apprezzata raccolta "Blue Note Re:Imagined" uscita un anno fa. 
In linea con tale scena, Thackray si muove tra classicismo ECM e nu-jazz, con ibridazioni di funk, psichedelia, elettronica, spiritualità, incensi e candele. Un pastone di tutto di più, insomma, ma nel quale l'autrice trova comunque una propria collocazione precisa.
 
Se l'apertura di "Mercury" è come l'atterraggio di un'astronave tramite un ostinato di basso ripetuto ad libitum per tutto il brano, il beat house bello spedito di "Say Something" lascia subito immaginare Romanthony alle prese con uno spartito di Alice Coltrane. Calore, massimalismo e coralità fanno da padroni, e non è un caso: cresciuta suonando la tromba nella band di paese, Thackray ha imparato sin da piccola l'importanza della comunione tra musicisti e delle regole che governano l'improvvisazione - tutta roba che poi è la linfa vitale della scena concertistica jazz londinese nella quale lei stessa opera da anni. 
Il ritmo sbarazzino di brani quali "Sun" e "Venus" stuzzica la memoria di Roy Ayers, la curiosa "Rahu & Ketu" è puro funk urbano alla Herbie Hancock, mentre "Golden Green" e "Spectre" si distendono su una spiritualità intrisa di confortante psichedelia d'antan. Uno stuolo di musicisti e coristi riempiono ogni spazio disponibile dell'album con ottoni, violini ed estasi mistica, mentre Thackray ritaglia con parsimonia i propri spazi senza mai strafare - vedasi "Third Eye" su tutte.
 
Rimane a "Yellow" un classicheggiante tocco di jazz da rivista non specializzata; dall'espansività totalizzante del suono di Kamasi Washington e la sua orchestra passando per i mille progetti diversi del collega Shabaka Hutchings, la spiritualità di Nubya Garcia, le ritmiche di Moses Boyd e le inflessioni caratteriali di Alfa Mist e Kae Tempest, il lavoro di Thackray si posiziona senza problemi in quell'ambiente a cavallo tra festival indie e i preferiti di fine anno del celebre conduttore radiofonico Gilles Peterson.
Rimane comunque al lavoro una piacevolezza percepibile a pelle. Tra continui occhiolini alle più tipiche variazioni del jazz e istanze puramente soulful tutte afroamericane, "Yellow" rende l'immagine di una musicista onnivora e capace di smazzarsi gran parte dell'aspetto tecnico per creare un articolato arazzo multicolore. Non sarà niente di troppo nuovo, ma vale sicuramente un ascolto.

(03/08/2021)

  • Tracklist
  1. Mercury
  2. Say Something
  3. About That
  4. Venus
  5. Green Funk
  6. Third Eye
  7. May There Be Peace
  8. Sun
  9. Golden Green
  10. Spectre
  11. Rahu & Ketu
  12. Yellow
  13. Our People
  14. Mercury (In Retrograde)


Emma-Jean Thackray on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.