Manuel Pistacchio

Scordato Cuore

2021 (Brutture moderne) | indie-rock, indie-pop

Un Cornetto Algida gigante scolorito su di una parete trascurata, dipinta dei colori delle vecchie località balneari, l’erba incolta che sbuca dal ciottolato, un manifesto appiccicato con lo scotch. Non serve la musica, ai Manuel Pistacchio basta la copertina del primo disco come quartetto, “Scordato Cuore”, a innescare la malinconia.
È questo il sentimento principe delle canzoni della formazione che raccoglie membri di consolidate realtà nostrane (Diego Pasini, Lorenzo Camera di Ponzio Pilates e Mondoriviera, Francesco Giampaoli di Sacri Cuori e GDG Modern trio e Arianna Pasini degli Urali). Una tristezza in cui è dolce affogare, ripescando tra vecchi ricordi di eterne spiagge e primi baci. I tempi belli di una volta.
Il buon vecchio indie-rock seduto a cavalcioni tra anni 80 e 90, stridente e scontornato, e qualche dettaglio tutto made in Italy che faccia venire in mente l’itpop, sono i media per trasformare questa nostalgia in canzoni.

Un giorno del “Compleanno” tutto acustico e sussurrato e “Un primo mattino” frizzante e sintetico diventano i momenti naturali per ricordi e riflessioni esistenziali.
Chi ama formazioni d’oltreoceano come gli Yo La Tengo, meglio ancora se quelli dell’inizio, troverà nella dolcezza e nelle chitarre increspate come onde di “Oceano” un brano pregiato ed emozionante cui affezionarsi già dopo uno o due ascolti. Non è da meno “Amicizia”, con il suo sound più ammiccante, gli effettini elettronici in sottofondo insieme ai battimani ovattati e un testo onesto e coinvolgente.

Molto bene anche il finale, affidato allo strumentale “Vibra ancora”, in cui i Manuel Pistacchio costruiscono uno scenario accogliente e morbido, dove le chitarre guizzano sinuose tra percussioni calde come uscite da un mondo di giocattoli.
In attesa di sapere se “Scordato Cuore” sia un’uscita estemporanea o il principio di una cooperazione duratura, non possiamo fare altro che goderci ancora e ancora questa breve, romantica collezione di canzoni che suonano meglio al tramonto che all’alba. Sul finire dell’estate piuttosto che all'inizio.

(09/07/2021)

  • Tracklist
  1. Contaminazione
  2. Amicizia
  3. Oceano
  4. Giovane Arold
  5. Copmpleanno
  6. Primo mattino
  7. Aria fresca
  8. Vibra ancora


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.