Maisie

Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino

2022 (Snowdonia) | cabaret, pop, art rock

La trilogia è compiuta. Fiato alle trombe. Qualcuno chiami la Contessa Pia Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare. Issate le vele. Dieci, venti, cento casse di Dom Perignon. Anzi, facciamo settantadue. Le altre ventotto lasciamole al fresco, ché non si può mai sapere, riposte tra i vicoli di una balera metropolitana. Teniamole da parte, che è meglio, per dirla con Quattrocchi, puffo e vera rockstar, molto più di quelle che si ascoltano in giro oggi e che si credono maledette. Nessuno però offra da bere a Luigi La Rocca. Bontà di Dio! Lui e gli altri cittadini non sono invitati. Sono piuttosto la ragione per cui questo paese continua a rincorrersi per il varo. A ripartire da settantasei metri. A tagliare, appunto in nome di Dio, sé stesso. E a lasciarsi inseguire dagli arcivescovi col naso grasso.
“2013-2021. Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino. Cronaca di un viaggio troppo allucinante dalla tenebra della barbarie alla luce troppo meravigliosa della civiltà” è un cavallone di pensieri messi in fila come una filastrocca, altrove in forma canzone, tra sussurri, aforismi rubati con intelligenza all’autoproclamata borghesia, ai social, all’universo mondo del populismo, insomma raschiati dal fondo del secchio di questi ultimi disastrosi otto anni di vita.

Si parte dal 2013. E accade già l’impossibile. L’ironia travolge Andrea, il fratello che si crede musicista. E passa con un meraviglioso doppio carpiato alla retorica della pena capitale. Spuntano poi il sogno americano e il Ku Klux Klan evocato dai birilli che non sanno scrivere un tweet, figuriamoci se riescono a capire Pound, per ridimensionare i neri superdimensionati a caccia di donne bianche. A un certo punto saltano fuori pure “i cinesi da ammirare perché si danno da fare, grandissimi lavoratori che lavorano quando si deve lavorare, senza rompere i coglioni, senza protestare”. La banalizzazione del mito del lavoro, paventata nel modo peggiore dalla sinistra italiana degli ultimi trent’anni, è cantata in ogni sua contraddizione. Mentre lo spazio di Zuckerberg assume le sembianze di un'agorà incontrollabile, patetico, bigotto, pericoloso (“Oggi un comunista su Facebook”). Non viene risparmiato nessuno. Dio per primo, assieme ai preti e ai vicini che fanno bordello (“Io dico no alla Chiesa”). E che magari Dio stesso ci scansi da quelli che si informano sul web e si credono liberi (“Io dico no a pagare le tasse per...”). Dalle torture agitate dagli animalisti. L’anno si apre e si chiude con Andrea. Un disgraziato felice che decide di farla finita.

Se le parole rimbalzano tra l’allegoria e la tragicommedia di un presente che ha superato la fantasia più indecente, la musica amplifica la burla, asseconda la danza sull’indesiderato palcoscenico. E lo fa con la maestria di chi è artigiano. Di chi con la musica prova a camparci per davvero. Di chi ascolta la vita tra i solchi di un vinile o le parole di un Vincenzo Spampinato. Una piccola grande orchestra. I Maisie sono fuochisti di piazza che sfottono il tempo lanciando in aria bacchette, corde, tasti, archetti, tutto di più.
Per accontentare i neofiti del prog si potrebbero scomodare i Gong, travestendoli ulteriormente di follia. Recita il libretto: chi sono i Maisie? Alberto Scotti (sintetizzatori, programmazione, editing), Cinzia La Fauci (voce, cori), Walter Sguazzin (basso, sintetizzatori, programmazione), Cristiano Lo Mele (chitarre), Riccardo Lolli (produzione, sintetizzatori, programmazione, editing), Edson Zuccolin (Sax), Vittorio Bonadei (batteria, percussioni). E poi una marea di ospiti, circa ottanta: Dario D’Alessandro degli Homunculus Res, Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari, Marco Bertoni di Confusional Quartet, Matteo Uggeri degli Sparkle in Grey, Alberto Garau etc.. Ecco, vi tocca “appunto” leggere il libretto. E magari comprare il disco. Questo benedetto disco dove tutto è festa e tutto è dramma. Dove Brunetta è uno Zero The Hero ribaltato dalla sua teiera volante e catapultato in uno squallido ufficio ministeriale (“Se uno ha veramente voglia di lavorare”). Mentre la solitudine viene strattonata tra una pausa e l’altra da strumenti che si comportano come giullari (“Un uomo è troppo solo senza un amico vero!”).

La complessità, la delicatezza delle tematiche affrontate, scandite dal lato del verbo di un qualunquista che finisce paradossalmente per danneggiare il significato più nobile a monte di ogni sua stessa battaglia etica e morale, è assecondata dalla musica che tratteggia umori, pensieri, sogni “troppo brutti”. E’ come se l’invettiva, perpetuata con genialità, respirasse attraverso chitarre, percussioni, trovate sparse. Financo i silenzi strizzano l’occhio al sarcasmo. Che rimane terribilmente lucido. Mai banale. Mai esoso. Al netto della durata. Un esempio? “L’iPhone è una cosa bella e molto importante! (Un pensiero per il quinto anniversario della morte del mitico e grandissimo Steve Jobs)”.

I Maisie cantano la contemporaneità dopo averla scandagliata in tutte le sue contraddizioni. E per sancirne le derive decidono di catapultarsi sulla parte oscura della luna per inscenare davanti al sole l’ultimo concerto. L’ultimo banchetto dell’assurdo. “A chi dare il voto” è una progressione acustica che tenta di emulare le traiettorie folli delle indecisioni elettorali. “Sugli stranieri sto completamente cambiando idea” gioca invece con fare esotico sulle follie dei razzisti a gettoni.
La telecronaca delle singole canzoni potrebbe continuare per parecchio altro tempo. Si potrebbero citare in ballo i suoni ipnotici de “L’apericena”. O l’andatura guascona di “Famiglia e l’inglese”, altro capolavoro sull’individualismo utile. Oppure il basso iniziale con coro a cappella sullo sfondo di “Oliviero Toscani, il più grande fotografo!” prima che prenda quota l’irresistibile teatrino rock. E cosa dire del funky de “Le cose di marca”? O del synth sbilenco di “Io 'sto fatto che si deve amare la patria proprio non lo capisco”?

Tra un intermezzo e l’altro, si arriva a stazioni come “Ciao Andrea, mi vedi da lassù nel paradiso? Secondo te sto facendo le cose giuste? Sei un pochino fiero di me? Io ti voglio tanto bene, scusa per tutte le volte che ti ho trattato di merda (un pensiero per il sesto anniversario della morte di mio fratello Andrea)” che definiscono l’opera, la sua tragedia. Sia dal punto di vista narrativo che sonoro.
I Maisie barcollano allegri, cadono per finta, si rialzano, scherzano, talvolta per necessità, si guardano negli occhi gli uni con gli altri, sfracassano per liberare le terga di quelli che vanno ai comizi dei cinofili (“Tornatore spacca il culo!”). E soprattutto suonano da Dio per tutto il tempo.
Inimitabili.

(30/04/2022)

  • Tracklist
  1. 01/05/2013 Il sistema è corrotto, marcio, fa schifo al cazzo!
  2. 25/05/2013 Vaccini??!?
  3. 01/06/2013 Mio fratello Andrea
  4. 13/09/2013 Io dico no alla televisione!
  5. 17/09/2013 Per me la patria è la cosa più grandiosa!
  6. 22/09/2013 Pena di morte!
  7. 04/10/2013 368 bocche in meno!
  8. 08/10/2013 Neri
  9. 11/10/2013 Evviva la Cina, evviva i cinesi!
  10. 15/10/2013 Oggi un comunista su Facebook
  11. 18/10/2013 Io dico no alla chiesa!
  12. 21/10/2013 Io dico no a pagare le tasse per...
  13. 23/10/2013 Guarire dal tumore con il limone e il bicarbonato
  14. 28/10/2013 Io dico no alla violenza contro agli animali!
  15. 30/10/2013 I comunisti
  16. 24/12/2013 Mio fratello Andrea si è ammazzato
  17. 25/05/2014 Però questo Renzi... Forse non è così male come pensavo...
  18. 12/11/2014 Modernizzare le cose, rimuovendo tutti i vecchi tabù! (Io dico sì al futuro!)
  19. 11/12/2014 Se uno ha veramente voglia di lavorare
  20. 06/01/2015 Un uomo è troppo solo senza un amico vero!
  21. 19/04/2016 Io dico sì ai matrimoni degli omosessuali e agli uteri in affitto!
  22. 07/05/2016 Un sogno troppo brutto!
  23. 02/10/2016 Guardare i film sull’iPhone è molto meglio che guardarli al cinema o in televisione. È più giovane, dinamico, moderno e pratico. Non c'è paragone proprio!
  24. 05/10/2016 L’iPhone è una cosa bella e molto importante! (Un pensiero per il quinto anniversario della morte del mitico e grandissimo Steve Jobs)
  25. 06/12/2016 Votare no al referendum, bocciando la riforma di Renzi è stato un atto irresponsabile. Purtroppo nel paese c'è tanta ignoranza e cattiveria
  26. 02/03/2018 A chi dare il voto?
  27. 05/03/2018 Chi non vaccina i figli è un criminale, un irresponsabile e soprattutto un grandissimo ignorantone. A questi che non vaccinano i figli bisogna togliere la patria potestà e il diritto di voto!
  28. 08/03/2018 A Buttana nira
  29. 10/03/2018 Sugli stranieri sto cambiando completamente idea
  30. 01/04/2018 Grandissimo Alberto Scotti, sono d'accordo al 1000% con lui: "Io pago le tasse anche affinché lo stato possa offrire aiuto, soccorso e tutto ciò che serve a gente che sta scappando da una situazione di guerra che, peraltro, gli abbiamo portato in casa noi europei e occidentali"...
  31. 18/04/2018 L'apericena
  32. 21/04/2018 Per me la donna
  33. 25/04/2018 Sugli stranieri sto completamente cambiando idea, ma...
  34. 25/05/2018 Cetty, ti amo!
  35. 01/06/2018 Famiglia e inglese
  36. 09/06/2018 Non so se mi piace più come una volta comprare le cose al centro commerciale, forse adesso preferisco Amazon che è più moderno e pratico. Volevo anche dire che Netflix è meraviglioso: l'ho scoperto da poco e già me ne sono troppo innamorato!
  37. 16/06/2018 Se tutti i popoli del mondo... (intro)
  38. 16/06/2018 Se tutti i popoli del mondo...
  39. 19/06/2018 Milano, oasi di civiltà in un deserto di barbarie e schifo
  40. 25/07/2018 Addio al grandissimo e mitico Sergio Marchionne, il geniale manager che ha salvato la FIAT. Di uomini come lui non ne nasceranno più, si è perso lo stampo!
  41. 07/10/2018 Oliviero Toscani, il più grande fotografo!
  42. 15/10/2018 Comici che non mi fanno ridere per niente: Totò, Alberto Sordi, Carlo Verdone, Pippo Franco, Franco e Ciccio e soprattutto Lino Banfi, che peraltro è anche volgarissimo e sboccato!
  43. 25/10/2018 Sento dentro come una tristezza
  44. 01/11/2018 Le cose di marca
  45. 07/11/2018 Salvini pezzo di merda! Ci stai facendo vergognare di fronte a tutto il mondo civilizzato!
  46. 12/01/2019 Gli uomini sono tutti stupratori! Vanno riconosciute tutte le tantissime nuove diversità sessuali che esistono. Io mi schifo di essere uomo eterosessuale bianco!
  47. 14/01/2019 Io 'sto fatto che si deve amare la patria proprio non lo capisco
  48. 17/01/2019 Che schifo, è stato approvato il reddito di cittadinanza, pacchia per scrocconi e fannulloni, soprattutto meridionali, bisogna dirlo. Io come meridionale mi vergogno per loro.
  49. 16/02/2019 Ho visto un film che c'era Mel Gibson
  50. 22/02/2019 Ho letto che le vendite dell'iPhone sono in calo dell'11%. La gente non capisce un cazzo, non ha più il senso del bello, sta vincendo la barbarie totale!
  51. 23/07/2019 Bungaro non si sa chi è
  52. 28/08/2019 Sono troppo felice di questo fatto che il PD torna al governo. Mi viene quasi da piangere tanta è la gioia. Salvini, volevi fare il furbo e sei rimasto fottuto. Povero idiota! Addio!
  53. 28/09/2019 Greta, la geniale bambina svedese che salverà il pianeta
  54. 32 09/11/2019 Potete costruire muri, ci troverete ad abbatterli. un pensiero per il trentennale della caduta del muro di Berlino. Contro ogni totalitalismo. Per la libertà sempre
  55. 22/11/2019 Con il cuore sono in piazza insieme alle sardine, un movimento meraviglioso di giovani più che meravigliosi, che salveranno l'Italia dal sovranismo, dal populismo e da quello schifoso di Salvini!
  56. 24/12/2019 Ciao Andrea, mi vedi da lassù nel paradiso? Secondo te sto facendo le cose giuste? Sei un pochino fiero di me? Io ti voglio tanto bene, scusa per tutte le volte che ti ho trattato di merda (un pensiero per il sesto anniversario della morte di mio fratello Andrea).
  57. 18/01/2020 Il dialetto secondo me è una volgarità da cafoni, ho deciso che non lo userò mai più. Neanche una parola! aggiungo pure che fumare fa schifo, è da cafoni ignoranti, fa male, fa puzzare i vestiti e bisogna vietare di fumare anche all'aperto!
  58. 09/04/2020 Questa emergenza Coronavirus
  59. 19/05/2020 È finita la quarantena. Io, Cettina, Dèsirèe e Babatunde ce ne siamo andati all'Ikea. Che festa!
  60. 07/11/2020 Non c'è niente che non si possa mettere a posto con le giuste riforme (È finito l’incubo Trump! W Joe e Kamala! Cambia la storia!)
  61. 25/11/2020 È morto Maradona, ma chi se ne frega! Se picchi le donne, se sei un pedofilo di merda, se sei un ignobile non importa a nessuno: basta che sai tirare un calcio a un pallone e sarai considerato un santo eroe!
  62. 13/02/2021 Io sto con SuperMario Draghi senza se e senza ma. Uomo del fare, di competenza e autorevolezza fuori dal comune. Buon lavoro governo!
  63. 25/10/2013 Un dialogo significativo che ho avuto con mio fratello Andrea
  64. 09/12/2013 L'8 dicembre più bello della mia vita
  65. 09/12/2013 L'8 dicembre più bello di tutta la mia vita (Wattabass remix)
  66. 09/09/2015 Io dico sì ai negozi aperti 24 ore su 24 (È una conquista di civiltà e anche una gran comodità)
  67. 13/12/2015 X Factor
  68. 10/09/2016 Tornatore spacca il culo!
  69. 28/01/2019 Io dico sì all'eutanasia!
  70. 16/04/2019 Brucia Notre Dame, all’inizio un pochino dispiace, ma poi, pensandoci bene, si tratta di uno dei simboli della terribile oppressione clericale e quindi chi se ne frega? Anzi, sono pure contento!
  71. 20/08/2019 iPantellas
  72. 21/09/2019 Persone e cose che mi piacciono e che non mi piacciono
Maisie su OndaRock
Recensioni

MAISIE

Maledette rockstar

(2018 - Snowdonia, La zona)
Lungamente atteso, a nove anni dal precedente, esce il nuovo folle disco dei Maisie

MAISIE

Balera metropolitana

(2009 - Snowdonia)
La fotografia della condizione umana in uno strabordante mastodonte di due ore e mezza

MAISIE

Morte a 33 giri

(2005 - Snowdonia)
Il grande zibaldone pop della irriverente band indie italiana

News
Maisie on web