Homunculus Res

Homunculus Res

Echi di Canterbury in Sicilia

di Valerio D'Onofrio

Gli Homunculus Res sono, tra gli epigoni della storica (non) scena, i più fedeli alla linea della seconda generazione, quella capitanata dagli Hatfield And The North. Con il loro jazz-rock canterburiano, insieme a quell’ironia tipica di un certo approccio, tutto siciliano, all’arte e alla vita, sono riusciti a diventare un punto di riferimento degli amanti del prog italiano

Canterbury in Italia, una lunga storia iniziata negli anni 70 con band come Dedalus, Perigeo, Picchio dal Pozzo e che continua orgogliosamente sino ai nostri giorni, con formazioni sparse in ogni regione. Tra queste i siciliani Homunculus Res sono di sicuro - tra gli epigoni della storica (non) scena - la più fedele alla linea della seconda generazione, quella capitanata dai Hatfield And The North e National Health.

Che la Sicilia potesse divenire più canterburiana di Canterbury non era lecito aspettarselo, ma nella band di Dario D’Alessandro (voce, chitarra), Davide Di Giovanni (piano, synth), Daniele Di Giovanni (batteria), Mauro Turdo (chitarra) e Domenico Salamone (basso), poi sostituito da Daniele Crisci, troviamo tutte le caratteristiche salienti della scena; dall’approccio indolente e ironico ai testi nonsense, dalle arzigogolate tessiture strumentali per giungere infine a un mix bilanciato delle varie generazioni di Canterbury con il Rock In Opposition, sfumature freak e svariate citazioni wyattiane. Da segnalare anche la mente creativa e voce del progetto, Dario D’Alessandro, dotato di una notevole cultura musicale, figlia di faticosi studi e di un'esperienza di ascolto personale, ma soprattutto dotato di un carattere e di una personalità che conciliano un animo timido a un'ironica percezione dell'esistente e a una coerenza di idee pressoché assoluta, mai contaminata dalle ammalianti sirene del mainstream.

I loro lavori sono un vero compendio della storia della scena di Canterbury arricchito da numerosi spunti zappiani, all'insegna di quell’ironia e di quell'irrazionalità che sono tipiche di un certo approccio, tutto siciliano (quindi anche zappiano), all’arte e alla vita.
Se si dovesse cercare una caratteristica che può definire la musica degli Homunculus Res, questa è indubbiamente l'ironia, quella capacità di non prendersi davvero sul serio, a dispetto di una proposta musicale serissima e complessa, mostrando così un'alterità totale rispetto al mainstream dominante, che fa esattamente l’opposto: dare una parvenza di serietà alla più assoluta banalità.

Esordiscono nel 2013 con Limiti all'eguaglianza della parte con il tutto, Lp anomalo e bizzarro, spezzettato in ben 18 brani brevi, come in una sorta di calderone pieno di idee elaborate ma non tutte definite sino in fondo. Potrebbe definirsi il loro “Commercial Album” (Residents) o il loro “The Faust Tapes” (Faust), per paragonarlo a due dischi pieni di piccoli brani tagliati e cuciti insieme in un unico mix, dove alcune idee sono portate a termine, altre invece rimangono semplici appunti da rivedere (forse) in un secondo momento. Bozzetti demenziali, cover deliranti, titoli esilaranti, divisi tra una prima parte più strutturata e una seconda meno compiuta e appena più sperimentale.
Canterbury è disseminata ovunque, in particolare nei cori di “Preparazione bomba H”, nei ritmi di “Culturismo ballo organizzare”; lo stesso vale per le sonorità prog presenti in ogni pezzo. Per certi versi, la seconda parte nasconde momenti anche più interessanti che, se sviluppati fino in fondo, avrebbero potuto portare a grandi brani.

mauro_tudo_chitarraDue anni dopo pubblicano Come si diventa ciò che si era (2015), che può tranquillamente definirsi l'album della maturità della band e che le dona anche una certa visibilità tra gli appassionati del prog e tra le riviste specializzate. Due anni di esperienza portano a un’evoluzione decisa; non più idee abbozzate e lasciate lì, ma portate sino in fondo, che rendono l’album una sorta di manuale di istruzioni per chiunque voglia suonare prog canterburiano in Italia senza apparire stucchevole o scontato.
Nonostante le sonorità siano ovviamente le medesime (tempi dispari, synth, e-piano, jazz-rock) la differenza è chiara: meno brani, lunghezza media superiore e una grande suite canterburiana di 17 minuti (“Ospedale civico”) che diventa la summa della loro arte, enorme calderone che contiene mille sfaccettature prog-jazz.
Ma stavolta tutto è perfetto e studiato nei minimi dettagli; dai vorticosi ritmi di “Vesica Piscis”, alla super-wyattiana “Dogface Reprice”, con la voce di Aldo De Scalzi dei Picchio dal pozzo, all’omaggio ai Soft Machine di “Opodeldoc”. Quattordici brani spesso collegati tra loro che diventano davvero una pietra miliare del neo-Canterbury italiano.

davidee_Non era facile ripetersi a questo punto, ma la band nel 2018 ritorna con Della stessa sostanza dei sogni, proseguendo nella medesima strada dei due Lp precedenti e aggiungendo una piccola svolta cantautorale, dettata dai testi di Dario D'Alessandro, mente creatrice della band. Stavolta manca il brano lungo, quell'“Ospedale Civico” che aveva illuminato il 2015 con le sue scorribande jazzistiche. Della stessa sostanza dei sogni è invece composto da dodici tracce relativamente brevi (nessuna raggiunge i cinque minuti) che contengono al loro interno, ancora una volta, una quantità debordante di abbozzi di idee che non vampirizzano i canoni della scena di Canterbury o di una parte del Rock in Opposition per nascondersi dietro il dito della derivazione, ma li utilizzano e li rivitalizzano per una singolare interpretazione personale. Sobrietà e stravaganza alfine collimano in quello che può ritenersi uno dei più originali e innovativi progetti di rock italiano, confermando gli Homunculus Res come i creatori di un proprio linguaggio, dove le istanze retrò sono annullate dall’intensa sequenza di soluzioni armoniche baciate dall'essenzialità e dall’ispirazione.
Si va dai ritmi divertenti e parossistici di “La cabala” al bizzarro canto dal timbro e dal testo zappiano di “Facci una pazzia”, che gioca con successo la carta cantautoriale “In Opposition”. Impossibile non pensare agli Henry Cow o ai Soft Machine durante l’ascolto di brani come “Dopamine”, “Mentre dormi” (entrambe con la collaborazione di Tommaso Leddi degli Stormy Six) e soprattutto nella magmatica “Il nome di Dio”.
Le lievi inflessioni funky (“La cabala”), le fughe strumentali jazz-prog spesso incorniciate da liriche taglienti (“Faccio una pazzia”), le sublimi intuizioni melodiche (“Bianco supremo”), le bizzarrie mai banali profumate di beat (“Non sogno più”, “Se la mente mentisse”), i superbi incastri tra testo e amabili contrappunti sonori (“Rimedi ancestrali”) sono tenuti insieme dal costante riferimento al mondo dei sogni, che qui aleggia come elemento di verità subliminale dall’estatica eleganza, che trova il suo nadir nelle lande più prog di “Preludio e distrazioni”.

Forti di un credito sempre più elevato presso la stampa e il pubblico internazionale, gli Homunculus Res non accennano nessun cedimento ideologico e creativo.
Primo disco per l’Ams Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco si avvale ancora una volta di collaboratori illustri come David Newhouse (Muffins), Aldo De Scalzi (Picchio dal Pozzo) e Petter Herbertsson (Testbild!), presenze che garantiscono un perfetto equilibrio tra passato e presente.
Il fascino effimero e pericoloso del consumismo è il tema intorno al quale la band palermitana costruisce composizioni ancor più ambiziose, a partire dall’ottima “Lucciole Per Lanterne” che rimarca le influenze dei Caravan e dei Soft Machine senza sembrare mai passatista.
Un’attitudine che il gruppo rafforza e consolida con il brano simbolo di questo nuovo album, ovvero “Il Carrozzone”, tre minuti e quarantadue secondi dove si concentrano ritmi sinuosi e singolari, stratificazioni di synth, suoni vellutati di sax, e un testo surreale che sposta ancor di più le coordinate stilistiche verso le visionarie intuizioni di Robert Wyatt.

Non c’è episodio che possa definirsi superfluo o riempitivo, la leggiadria pop-prog di “Supermercato”, la citazione di “Hey Jude” dei Beatles in coda alla romantica “La Luccicanza” (la cui introduzione ricorda la celebre ”La Lontananza”), il timbro cupo di “Tetraktys”, ed il valzer con tanto di flauto e fagotto della conclusiva “Non Dire No”, mettono in campo una varietà stimolante e testi mordaci.
Il pregio più rilevante di Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco è comunque quello di rendere fruibile una materia altrimenti complessa ed articolata (la virata pop di “Buco Nero” e le atmosfere lounge/library music di “La Spia”), mentre il costante riferimento a Piero Umiliani e Piero Piccioni modifica l’immaginario non solo prog dei palermitani, proiettandoli verso un futuro ricco di possibili imprevisti.



Contributi di Gianfranco Marmoro ("Della stessa sostanza dei sogni", "Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco")



Homunculus Res

Echi di Canterbury in Sicilia

di Valerio D'Onofrio

Gli Homunculus Res sono, tra gli epigoni della storica (non) scena, i più fedeli alla linea della seconda generazione, quella capitanata dagli Hatfield And The North. Con il loro jazz-rock canterburiano, insieme a quell’ironia tipica di un certo approccio, tutto siciliano, all’arte e alla vita, sono riusciti a diventare un punto di riferimento degli amanti del prog italiano
Homunculus Res
Discografia
 

Limiti all'eguaglianza della Parte con il Tutto (AltrOck Productions, 2013)

Come si diventa ciò che si era (AltrOck Productions, 2015)

Della stessa sostanza dei sogni (AltrOck Productions, 2018) 
Andiamo In Giro Di Notte E Ci Consumiamo Nel Fuoco (AMS, 2020)
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Video
Homunculus Res su OndaRock
Recensioni

HOMUNCULUS RES

Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco

(2020 - Ams)
Il mix di prog e Canterbury-sound dei palermitani vira verso la melodia e il pop

HOMUNCULUS RES

Della stessa sostanza dei sogni

(2018 - AltrOck Productions)
L'atteso ritorno dei siciliani, tra cantautorato sghembo e Canterbury

HOMUNCULUS RES

Come si diventa ciò che si era

(2015 - AltrOck Productions)
Canterbury risorge a Palermo, con l'aiuto di tanti ospiti

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.