Pumajaw

Scapa Foolscap

2022 (Bedevil) | alt-folk, trip-hop, elettronica

Siamo a Londra nel 1994. La cantautrice e artista scozzese Pinkie Maclure sta preparando il secondo lavoro a suo nome, a nove anni di distanza dall'esordio. A sedersi dietro al mixer per le registrazioni di "Favourite" c'è il musicista e produttore John Wills, non certo l'ultimo arrivato, visto che era già un nome importante nella scena psichedelica britannica. I due si erano conosciuti avendo firmato quasi contemporaneamente un contratto per una delle più importanti etichette indipendenti come la Beggars Banquet. Wills era stato il batterista dei Loop, band fondata nella capitale britannica dal chitarrista Robert Hampson, tra i gruppi fondamentali della scena neopsichedelica inglese che affondava le radici nel kraut-rock. Il suo senso ritmico, pesante e coinvolgente, aveva contribuito non poco a creare un suono che sarebbe stato preso a piene mani dalla corrente shoegazing. Wills, però, non è stato solo il batterista dei Loop e degli Hair & Skin Trading Company (band fondata insieme al bassista Neil Mackay dopo lo scioglimento degli stessi Loop), bensì anche polistrumentista e produttore, lavorando dietro al mixer per etichette come Creation, Beggars Banquet e Wiiija Records, quella storica label psichedelica fondata da alcuni ragazzi che lavoravano nello storico negozio di dischi londinese Rough Trade mutuando il codice postale della sede di Talbot Road (W11 1JA).

I due trovano un comune terreno fertile nell'amore per la fusione tra strumenti tradizionali, elettronica e field recordings e di lì a poco iniziano a scrivere musica insieme, nascosti dietro diversi pseudonimi, come Fingerfood, Hello e Lumen. Ma è con la ragione sociale di Pumajaw che l'affiatato duo riesce a dare il meglio. Nel corso degli anni hanno limato e perfezionato il loro suono che, da più di venti anni, vede la compresenza di folk psichedelico ed elettronica, uniti a una passione per l'avanguardia e i vocalizzi jazz oltre a un sentore del trip-hop che fu. Questa miscela riesce a creare un'atmosfera oscura, brumosa e malinconica che risulta estremamente accattivante e coinvolgente, anche se (per i misteri insondabili del mercato discografico) non è riuscita mai ad attirare un'attenzione che non fosse di nicchia, nonostante la pubblicazione nel 2008 dell'antologia "Favourites" da parte della nota Fire Records.

Nel 2015, dopo aver creato alcuni lungometraggi, essere andati in tour tanto lunghi quanto faticosi e aver ottenuto un buon successo con uno spettacolo multimediale per l'Edinburgh Fringe chiamato "Song Noir" - un'ora di video e canzoni da classici dei film noir suonate insieme alle tracce del disco omonimo - il duo ha deciso che era tempo di prendersi una meritata pausa. Mentre Pinkie si è dedicata alle arti visive e soprattutto alla creazione di meravigliose opere di vetro colorato (una delle quali campeggia nella copertina del primo album solista dell'ex-Moonshake David Lance Callahan), Wills si è trasferito nella baia di Scapa Flow, nelle isole Orcadi, nota per essere stata la sede della maggiore base navale britannica durante la prima e la seconda guerra mondiale. In uno dei punti più a nord della Gran Bretagna, si è dedicato alla registrazione di field recordings per fissare su nastro i suoni e le atmosfere uniche dell'arcipelago.
In realtà quei paesaggi sonori erano intesi solo come bozze grezze, (da cui "foolscap"), ma Pinkie in qualche modo è riuscita ad ascoltarli e a convincerlo che l'unione tra la sua voce e quei suoni sarebbero potuti essere una ottima base per l'ottavo album in studio dei Pumajaw.

E "Scapa Foolscap", pubblicato a fine gennaio dalla loro piccola etichetta Bedevil, non delude le attese già dall'apertura di "Murmurised", pura ipnosi di folk scuro, dove Pinkie ci porta con il suo timbro affascinante a un parallelismo con gli storni per spiegare il ritorno alla natura per trovare conforto dopo due anni di semi-isolamento. Se "The Smell Of Trouble", con i suoi ritmi dilatati e il cambio di passo (e di voce) a metà percorso, ci porta verso un trip-hop dai contorni indefiniti e "The Innocent Win" procede con un seducente downtempo sulla stessa falsariga, "Michaela", con le sue tessiture di harmonium e arpeggi, è una sorta di viaggio nel tempo che ci porta in uno scuro paesaggio medievale.
"Loval Envy" alza i bpm per un ritmo quasi ballabile, mentre le sperimentazioni elettroniche sono appannaggio dei rimbalzi di synth di "The Mirror Of The Other", dove troviamo la partecipazione come ospite del cantautore irlandese Adrian Crowley. Un avvio quasi Talk Talk, quello di "Caramelised", trafitto dai field recordings e dai vocalizzi di una Pinkie perfetta nella sua interpretazione di donna misteriosa e seducente.
La chiusura è affidata a una "Silky And Tar" in cui le risacche elettroniche e la voce di Pinkie si infrangono sulle coste rocciose di Scapa Flow come un ibrido tra la vocalità di Nina Simone e i pattern dei Boards Of Canada.

Un disco che dipinge paesaggi sonori tanto inquietanti quanto affascinanti, come lo splendido artwork realizzato da Stefano Piacenti. Otto tracce fuori dal tempo in cui l'amore del duo per elettronica, weird folk, trip-hop e jazz si sublima in un caleidoscopio sonoro senza limiti dall'indubbio fascino. 

(13/03/2022)

  • Tracklist
  1. Murmurised   
  2. The Smell Of Trouble
  3. The Innocent Win
  4. Michaela
  5. Local Envy
  6. The Mirror Of The Other
  7. Caramelised
  8. Silky And Tar




Pumajaw su OndaRock
Recensioni

PUMAJAW

Favourites

(2009 - Fire Records)
Una raccolta di vecchi brani celebra la misconosciuta band scozzese

Pumajaw on web