Bruce Dickinson

The Mandrake Project

2024 (BMG)
hard-rock, metal

Le energie di Bruce Dickinson sembrano essere infinite. Dopo l'ennesimo tour mondiale con gli Iron Maiden e centinaia di concerti in giro per il mondo, ecco subito la pubblicazione del suo settimo Lp solista con immediato nuovo tour. All'età di 65 anni c'è da chiedersi cosa lo spinga a un'attività così frenetica, e lui stesso ha risposto a questa domanda dicendo chiaramente quanto si senta pienamente vivo solo sul palco. "The Mandrake Project" sembra quindi essere una terapia per Dickinson, un nuovo urlo per salvarsi dal male di vivere.

Prodotto dal chitarrista Roy Z e registrato con il tastierista italiano Mistheria, "The Mandrake Project" cerca di distaccarsi parzialmente dal suono dei Maiden, almeno in alcune parti. La struttura dell'Lp resta vicina al mondo di Dickinson, dal quasi concept alla graphic novel associata, tutto rimanda a mondi tipicamente dickinsoniani. Ne sono prova i singoli "Afterglow Of Ragnarok" e "Rain On The Graves" (da segnalare il video di quest'ultima che omaggia i film horror dei mostri della Universal), due brani più prossimi all'hard-rock che al metal, comunque abbastanza vicini agli ultimi Maiden, al netto degli assoli semplificati. Dickinson fa sfoggio della sua voce che sembra davvero immortale, anche se non mancano momenti di stanca per la mancanza di veri grandi brani.

Il finale è il momento meno prevedibile, con i dieci minuti di "Sonata (Immortal Beloved)", lungo brano commovente, sia grazie alle sue melodie ma soprattutto per il tentativo di Dickinson di cambiare registro e di toccare corde strazianti nell'urlo "Save me now, save me now, save me from my grave".
La sufficienza è d'obbligo per un uomo che è e sempre sarà una leggenda del metal.

08/07/2024

Tracklist

  1. Afterglow Of Ragnarok
  2. Many Doors To Hell
  3. Rain On The Graves
  4. Resurrection Men
  5. Fingers In The Wounds
  6. Eternity Has Failed
  7. Mistress Of Mercy
  8. Face In The Mirror
  9. Shadow Of The Gods
  10. Sonata (Immortal Beloved)


Bruce Dickinson sul web