Bjork

Vespertine

2001 (One Little Indian) | avant-pop

Dopo l'esperienza sofferta di "Dancer In The Dark", Bjork torna alla sua musica nel 2001 con "Vespertine", un album nel solco dell'elettronica minimalista e d'avanguardia, in cui la cantante islandese dà voce a tutti i suoi sentimenti ed umori più tormentati, inseguendo uno spazio "intimo". "È un disco dalle molteplici, apparentemente contraddittorie, allusioni - spiega -. L'amore e la caccia, l'aprirsi alla preghiera e il ritirarsi nella contemplazione, l'abbandonarsi alle energie dell'universo nel momento in cui la notte si chiude su di te. Mi piace restarmene da sola in casa, in uno stato d'animo quieto e introverso, a sussurrare fra me e me. È una sorta di bozzolo ben protetto, casa mia".

E proprio "Cocoon", "bozzolo", è uno dei brani più emblematici di questo nuovo corso di Bjork: una ballata tenera, bisbigliata, e lievemente sporcata da rumori "lo-fi". "Una canzone perfetta, soffice e lieve come la neve di Natale", la definisce Jean-Daniel Beauvallet su "Les Inrockuptibles", il settimanale musicale più quotato di Francia. È il clima che domina il disco, se si fa eccezione forse per le pulsazioni trip-hop del singolo "Hidden Place", il pezzo più prossimo al sound di "Debut". "La parola 'Vespertine' - spiega - racchiude in sé molti concetti: il fiore che si schiude all'imbrunire, l'animale che diventa attivo al calare delle tenebre, la preghiera della sera, Venere, la stella della sera, il tramonto e l'oscurità totale".

È un disco notturno, insomma, da ascoltare all'imbrunire, magari in una gelida serata invernale. Tra le note, si avverte la mano sapiente di uno stuolo di collaboratori di lusso: da Mark "Spike" Stent al mixer ai programmatori Valgeir Sigurdsson e Marius de Vries, dall'arrangiatore Vince Mendoza al duo elettronico americano dei Matmos. Nel suo "bozzolo", Bjork ha costruito un pugno di melodie scarne, atmosfere minimaliste e rumori sottili, che fanno da sfondo ai suoi vocalizzi liberi, tanto fragili ed eterei da ricordare, a tratti, il canto di una bambina. La sua ricerca passa anche per trovate eccentriche e spiazzanti, come la litania "I love him/She loves him" in "Pagan Poetry" o il finale di "Unison". Ma la sensazione finale è che forse, per Bjork, "Vespertine" sia un disco di transizione, alla volta di nuovi orizzonti musicali.

(24/10/2006)

  • Tracklist
  1. Hidden Place
  2. Cocoon
  3. It's Not Up To You
  4. Undo
  5. Pagan Poetry
  6. Frosti
  7. Aurora
  8. An Echo A Stain
  9. Sun In My Mouth
  10. Heirloom
  11. Harm Of Will
  12. Unison
Bjork su OndaRock
Recensioni

BJORK

Utopia

(2017 - One Little Indian)
Leccate le ferite del passato, la poliedrica artista islandese si ripresenta carica di ottimismo con ..

BJORK

Vulnicura

(2015 - One Little Indian)
L’album del confronto maturo per l’artista islandese, supportata da due produttori di tendenza ..

BJORK

Biophilia

(2011 - One Little Indian)
L'album-progetto dell'islandese volante, tra fascinazione "cosmica", strumenti autocostruiti e tecnologia ..

BJORK

Volta

(2007 - One Little Indian)
Sorpresa: nel nuovo disco dell'islandese... non ci sono sorprese

BJORK

Drawing Restraint 9

(2005 - Polydor)
La colonna sonora della nuova opera più o meno filmica di Matthew Barney

BJORK

Medulla

(2004 - Elektra)
L'album più incentrato sulla voce della cantautrice islandese

BJORK

Greatest Hits

(2002 - One Little Indian)
La sublime arte di Bjork condensata in 15 grandi successi

BJORK

Homogenic

(1997 - One Little Indian)
La diva islandese alla sua prova piu' matura ed emotiva

Speciali




Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.