David Sylvian

Blemish

2003 (Samadhisound) | songwriter, glitch, avantgarde

Nella sua ormai ventennale carriera solista, David Sylvian si è districato tra una produzione estremamente raffinata ma sostanzialmente legata alla forma canzone (da "Brilliant Trees" e "Secrets Of The Beehive" a "Dead Bees On A Cake", passando per la collaborazione con Robert Fripp), magari anche di buon impatto melodico e commerciale, e produzioni tra l'ambient e l'avanguardia (i dischi con Holger Czukay, l'ultimo "Approaching Silence" ). In tutti i casi anche da parte di chi, come il sottoscritto, lo apprezza e non poco, se una accusa può essere fatta alla sua produzione, è quella di una forse eccessiva levigatezza e morbidezza nel sound, una ricercatezza e un perfezionismo sonoro molto affascinante, ma che può essere anche visto come una limitazione espressiva.

Sylvian ha fatto molta strada dai tempi dei Japan, ma nella sostanza la matrice di quel rock estetizzante gli è rimasta addosso. Forse per questo ha deciso di uscire nel 2003 con questo "Blemish", che segna decisamente una linea di rottura rispetto al suo passato. Disco dapprima fantasma, poi disponibile solo su internet, poi distribuito male e a caro prezzo. Un disco che è un soliloquio: non più ospiti prestigiosi e arrangiamenti a tutto tondo, Sylvian suona quasi tutto da solo, la sua voce, decisamente più un recitato che un cantato, è accompagnata da pochi effetti elettronici minimali, qualche intervento di chitarra del famoso improvvisatore free-jazz Derek Bailey e poco altro. "Blemish" potrebbe essere nato in una o poche più sedute di registrazione, spontaneo, intimista, essenziale, scheletrico come mai ci si sarebbe aspettati dall'artista inglese. Un disco pervaso della stessa asciuttezza e intimità rilevabili, in ambiti molti diversi, nel Nick Nick Drake di "Pink Moon"o nel Robert Wyatt di "Dondestan".

Si parte con la title track, introdotta da effetti elettronici in loop, poi parte la voce, quella sì immutata, profondissima, che accompagna tutto il pezzo in un lento salmodiare, una specie di mantra da terzo millennio con un raggelante ma lirico contrasto tra la componente umana della voce e l'accompagnamento robotico, a tratti dissonante. L'anima dell'intero lavoro è già nel brano di apertura. Si prosegue con "The Good Son" e questa volta l'accompagnamento è principalmente affidato alle improvvisazioni di Bailey alla chitarra acustica, con Sylvian che più che cantare sembra raccontarci una storia, in un brano che poco concede a un ascolto distratto. Poi, "The Only Daugther", che riprende il primo brano in maniera ancora più minimale, con un accompagnamento più morbido che ricorda i lavori con Czukay.

Il clima non cambia con "The Heart Knows Better": la voce continua il suo lento dispiegarsi, pigra ma ineluttabile, ipnotica ma inquietante; non c'è consolazione né serenità in "Blemish", ma un ripiegarsi impercettibile verso una silente angoscia.
Seguono la brevissima "She Is Not", sempre con Bailey, e "Late Night Shopping", dove appare una cantabilità inedita per il disco. "How Little We Need To Be Happy", ancora con un Bailey particolarmente destrutturante e cacofonico, prelude al finale, segnato dai gorghi elettronici di Fennesz in "A Fire In The Forest", che conclude il cd in maniera al contempo più tagliente e meno angosciosa, quasi romantica.

"Blemish" è un album difficile da giudicare in acuto: non mi stupirei né se tra qualche anno venisse giudicato una pietra miliare né se fosse completamente dimenticato. Risulta, comunque lo si guardi, un prodotto coraggioso e radicale, che poco concede all'ascoltatore, uno di quei dischi che cambiano durante l'ascolto la nostra percezione dell'ambiente e di noi stessi, uno di quei dischi notturni e intimisti da ascoltare in solitudine una o due volte l'anno. E allora forse è meglio affidarsi alle sensazioni e valutazioni primitive, banali ma orientative come non mai: mi sono annoiato? Sì, certo che mi sono annoiato, ma ne sono stato anche rapito e conquistato, e al quarto ascolto l’album mi sembra migliore che al primo. L'ho pagato caro, lo ricomprerei? Sì, senza dubbio.

(30/10/2006)

  • Tracklist
  1. Blemish
  2. The Good Son
  3. The Only Daughter
  4. The Heart Knows Better
  5. She Is Not
  6. Late Night Shopping
  7. How Little We Need To Be Happy
  8. A Fire In The Forest

 

David Sylvian su OndaRock
Recensioni

DAVID SYLVIAN

Died In The Wool

(2011 - Samadhisound)
Trame orchestrali per una rilettura romantica di "Manafon" e altre delizie

DAVID SYLVIAN

Sleepwalkers

(2010 - Samadhisound)
Un album retrospettivo raccoglie le tante collaborazioni di David Sylvian negli anni 2000

DAVID SYLVIAN

Manafon

(2009 - SamadhiSound)
Un altro passo verso l'essenzialità della composizione per David Sylvian

DAVID SYLVIAN

Secrets Of The Beehive

(1987 - Virgin)
I segreti dell'alveare dell'ex-leader dei Japan, al culmine della sua esperienza solista

Speciali

David Sylvian on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.