Peter Gabriel

Big Blue Ball

2008 (Real World Records) | worldbeat

Fortuna che il nuovo disco di Peter Gabriel non è davvero nuovo e non è davvero di Peter Gabriel. "Big Blue Ball" è il frutto di tre anni di jam, session e incontri avvenuti a inizio Nineties sotto la supervisione del compositore inglese. A passare per gli studi Real World, un campionario degli artisti accasati presso l'etichetta di Gabriel e un discreto numero di nomi di spicco in ambito world music e dintorni.
L'album è rimasto nel cassetto fino ad oggi per il lungo lavoro di riordino e produzione. Il risultato di quindici anni di rimaneggiamenti è un disco artificioso quando non direttamente kitsch, che segue "Ovo" e "The Imagined Village" nell'elenco delle delusioni all-stars licenziate recentemente da casa Real World.

Inutile dilungarsi sui perché e i percome: rimando alla recensione di "The Imagined Village", album che soffriva dello stesso soffocamento produttivo a base di beat dozzinali e new age di bassa lega. Meglio piuttosto cercare, con un po' di sforzo, di vedere il bicchiere mezzo pieno. Molti pezzi scommettono tutto sul suono, trascurando l'aspetto compositivo. Tra i restanti, qualcosa si salva.
Ecco allora "Habibe" (Natacha Atlas, Hossam Ramzy, Neil Sparke), arabesco suadente di fumi minori armonici, archi e pulsazioni chill-out. "Exit Through You" (Joseph Arthur, Peter Gabriel, Karl Wallinger), piacevole filastrocca funky più consueto stacco atmosferico/enfatico alla "Us"/"Up" (vedi "More Than This"). Poi Sinéad O'Connor che canta "Everything Comes From You", una conta che evolve in morboso rimuginamento amoroso e si spegne su un gioco ossessionante di botta-e-risposta vocali.
E basta. Poco possono Billy Cobham, Jah Wobble, Vernon Reid per risollevare i brani che li vedono coinvolti.

Tre le tracce notevoli, undici quelle totali. Non c'è bicchiere mezzo pieno che tenga: come era rimasto nel cassetto fino ad ora, "Big Blue Ball" poteva pure restarci.

  • Tracklist
  1. Whole Thing (Original Mix) (featuring Francis Bebey, Alex Faku, Tim Finn, Peter Gabriel, Karl Wallinger, Andy White)
  2. Habibe (featuring Natacha Atlas, Hossam Ramzy, Neil Sparkes)
  3. Shadow (featuring Juan Cañizares, Papa Wemba)
  4. altus silva (featuring Joseph Arthur, Ronan Browne, Deep Forest, James McNally, Iarla Ó Lionáird, Vernon Reid)
  5. Exit Through You (featuring Joseph Arthur, Peter Gabriel, Karl Wallinger)
  6. Everything Comes From You (featuring Richard Evans, Joji Hirota, Sevara Nazarkhan, Sinead O’Connor, Guo Yue)
  7. Burn You Up, Burn You Down (featuring Billy Cobham, Peter Gabriel, The Holmes Brothers, Wendy Melvoin, Arona N’diaye, Jah Wobble)
  8. Forest (featuring Levon Minassian, Arona N’Diaye, Vernon Reid, Hukwe Zawose)
  9. Rivers (featuring Vernon Reid, Marta Sebestyen, Karl Wallinger)
  10. Jijy (featuring Arona N’Diaye, Rossy, Jah Wobble)
  11. Big Blue Ball (featuring Peter Gabriel, Manu Katché, Karl Wallinger)
Peter Gabriel su OndaRock
Recensioni

PETER GABRIEL

New Blood

(2011 - Real World)
A due anni da "Scratch My Back" il musicista di Bath riarrangia in chiave orchestrale 14 tracce ..

PETER GABRIEL

Scratch My Back

(2010 - Virgin)
Un album di cover, dal mondo dopo il diluvio

PETER GABRIEL

Up

(2002 - Virgin)
Un disco notturno, che tenta di convogliare un esistenzialismo introverso in forma-canzone

PETER GABRIEL

Passion

(1989 - Real World)
Il manifesto del sincretismo di Gabriel, per il film di Scorsese "L'Ultima Tentazione di Cristo"

PETER GABRIEL

I V (Security)

(1982 - Geffen)
La scimmia smascherata: l'album con cui Gabriel gettò le basi del fenomeno world music

Peter Gabriel on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.