Horrors

Skying

2011 (XL) | post-punk, psych-pop

Arriva finalmente sui banchi dei negozi l'attesissimo terzo album della compagine londinese. Forse per giocare d'anticipo su pettegolezzi e indiscrezioni formicolanti (sempre più in voga e fuori controllo nell'era del leak impenitente e a cuor leggero), il quintetto ha pensato bene di mettere a disposizione degli ascoltatori lo streaming integrale di "Skying" sul proprio sito ufficiale. La band guidata dal taciturno Faris Badwan (uno che ha sempre ascoltato almeno un disco in più rispetto a chi ha il gramo compito di tentare di descrivere e raccontare la sua musica) si trova del resto di fronte a uno snodo particolarmente sensibile e delicato di una carriera fulminante, iniziata appena cinque anni fa. Dopo un album complesso e totalizzante come "Primary Colours", le aspettative nei confronti dei cinque albionici sono, ragionevolmente, elevatissime. D'altra parte si sa: da un grande potere derivano grandi, a volte addirittura smisurate, responsabilità (è il bello del gioco, in un certo senso).

Responsabilità alle quali gli Horrors rispondono portando il discorso da tutt'altra parte, attraverso un album denso e labirintico, immaginato e costruito ingranaggio su ingranaggio nel loro studio, in completa autarchia creativa. Come già l'incredibile singolo "Still Life" (più U2 degli ultimi U2) ha annunciato a trombe spiegate, "Skying" è un album che dimentica le distorsioni e il rumore granuloso ripiegato a falde e strati spessi del precedente "Primary Colours".
Gli Horrors hanno fatto del camuffamento un'arte più raffinata e temeraria della verità, questo è noto, ogni loro creazione è infatti una ri-creazione e ogni loro suono una magnifica ri-sonanza di altri suoni galleggianti nella nostra memoria inconscia come spettri. In tutto ciò risiede, in senso stretto, la potente contemporaneità della band e da questo punto di vista gli Horrors restano perfettamente coerenti alla poetica che sin dall'inizio ne ispira le gesta, riposizionando i propri territori di caccia in un immaginario new wave che non potrebbe intendersi e volersi più classico e ortodosso. L'immaginario romantico e declamante dei Simple Minds (sentite la splendida "I Can See Through You", quasi un omaggio programmatico) così come di Psychedelic Furs, Chameleons, Danse Society, Theatre Of Hate o Sad Lovers And Giants, tanto per intenderci.

Degli antichi retaggi sopravvivono certe code o ouverture psichedeliche tendenti all'ampia veduta strumentale, che mettono bene in evidenza il gusto e la raffinata eleganza esecutiva della band (si considerino l'atmosferica "Endless Blue", la bellissima "Moving Further Away", con le sue liquide pennellate di synth in dissolvenza, o "Oceans Burning", ai limiti del dream-pop) ma, nel complesso, "Skying" brilla di una bellezza propria e diversa, né superiore né inferiore rispetto a quanto già dimostrato dalla band in passato. Si dirà forse che c’è meno introspezione e più forma, meno dolore e più superficie, ma canzoni come "Dive In", "Monica Gems" o "Wild Eyed" parlano da sole: il gruppo ha ormai conseguito un'identità che si compone di infinite e vertiginose similitudini, consegnando alle orecchie dell'ascoltatore un frutto maturo e agrodolce, generato da innesti multipli di sapori ed essenze combinate tra loro.
Per tutte queste ragioni (e per tante altre, che scoprirete o non scoprirete ascoltando): lunga vita agli Horrors.

(09/07/2011)

  • Tracklist
  1. Changing The Rain
  2. You Said
  3. I Can See Through You
  4. Endless Blue
  5. Dive In
  6. Still Life
  7. Wild Eyed
  8. Moving Further Away
  9. Monica Gems
  10. Oceans Burning




Horrors su OndaRock
Recensioni

HORRORS

V

(2017 - Wolf Tone)
Elettronica danzante mista a cyberpunk nel quinto album della band inglese

HORRORS

Luminous

(2014 - XL)
Altro centro pieno per i nuovi re indiscussi della scena britannica, all'insegna di una neo-psichedelia ..

HORRORS

Primary Colours

(2009 - XL)
Seconda prova per la band inglese, prodotta da Geoff Barrow: un affascinante viaggio tra suoni notturni ..

HORRORS

Strange House

(2007 - Loog / Universal)
New sensation dall'Inghilterra: suoni psicotici per freak e deviati

News
Horrors on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.