Get Well Soon

The Scarlet Beast O' Seven Heads

2012 (City Slang / Nude) | baroque-pop, orchestral pop

Eccoci pronti a un'altra immersione nell'arte eccessiva, caricaturale, pomposa. Quella comunemente intesa come "arte brutta", nel gusto corrente dominante. E, a partire dal titolo, questa volta Konstantin Gropper non ha certo risparmiato ambizioni pindariche, imponenti costruzioni mentali ed espressive, voluminose architetture strumentali.
In questa tracotante volontà di rappresentazione, Gropper mostra ancora, in questo "The Scarlet Beast O' Seven Hell", l'importanza di apparire, la breve e volubile forza dell'impressione.

Una sorta di Sufjan Stevens senza ironia, il compositore tedesco irretisce in questo nuovo disco con arrangiamenti smaglianti - ispirati a quanto pare alla musica del cinema italiano degli anni 70, si veda la bacharachiana "Roland, I Feel You" e l'arrangiamento sintetico di "The Kids Today" - ma ancora non lascia trapelare canzoni che vadano oltre un'apparenza magnificente.
Prevedibili inflessioni di folk europeo da favolista moderno ("Just Like Henry Darger", "Disney"), un classico come anche per un altro artista tutto sommato inconsistente come Beirut (richiamato qui nel prologo), paiono essere l'unico espediente compositivo di Gropper, anche nella stanca veste wave di "The Last Days Of Rome".

Pur pretenzioso come sempre, "The Scarlet Beast O'Seven Heads" si salva comunque per una ridotta grevità ed enfasi, anche nelle tracce più Arcade Fire, come la finale "You Cannot Cast Out The Demons (You Might As Well Dance)".
Soddisfazione minore per un disco ancora gonfio e sfacciatamente derivativo - pur nell'apparenza "estrosa".

(17/09/2012)



  • Tracklist
  1. Prologue
  2. Let Me Check My Mayan Calendar
  3. The Last Days Of Rome
  4. The Kids Today
  5. Roland, I Feel You
  6. Disney
  7. A Gallows
  8. Oh My! Good Heart
  9. Just Like Henry Darger
  10. Dear Wendy
  11. Courage, Tiger!
  12. The World's Worst Shrink
  13. You Cannot Cast Out The Demons (You Might As Well Dance)


Get Well Soon su OndaRock
Recensioni

GET WELL SOON

Love

(2016 - Caroline International)
Le riflessioni sull'amore dell'acclamato autore baroque-pop

GET WELL SOON

Vexations

(2010 - City Slang / Cooperative Music)
Le "vessazioni" del polistrumentista tedesco, raccontate in un disco ambizioso

Get Well Soon on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.