Karen Gwyer

Needs Continuum

2013 (No Pain In Pop) | psych-electronica

Dopo un Ep intitolato “I’ve Been You Twice” (pubblicato in sole 13 copie su cassetta e disponibile gratis in download), Karen Gwyer agita le acque della musica elettronica con un esordio alquanto inusuale. Nata in America, ma trasferitasi a Londra, l’artista ha inciso l’album durante la sua prima gravidanza, uno stato fisico personale che sembra aver dato a “Needs Continuum” un suono particolarmente meditativo e accurato.
Pur raccogliendo brani composti in epoche diverse, la musicista rilegge tutte le sue fasi sperimentali con una chiave di lettura organica, evocando le migliori intuizioni dei Peaking Lights e di Laurel Halo. L’artista infatti realizza un suggestivo disco di elettronica spirituale, gettando semi sparsi di kraut-rock, minimalismo alla Steve Reich e frammenti di elettronica tedesca alla Tangerine Dream in un mare di ritmi, pulsioni disco e droni.

E' un'elettronica intimista, delicata, molto femminile, e forse per questo affascinante e lontana dalle proposte più altisonanti e ruffiane della sua controparte virile. Inoltre, “Needs Continuum” è un album che ama le ombre più che la luce: la voce resta infatti fuori dalle alchimie psycho-elettroniche che accompagnano l’intero progetto, tranne nella più dinamica “Pikku Kokki”, che flirta col pop e l’house.
Ci sono brani in cui si concentra tutta l’arte sonora di Karen: “Night Nails” è l’esempio più interessante, oscura cavalcata psichedelica dove anni e anni di elettronica (dai corrieri cosmici ai nostri giorni) si combinano come in un caleidoscopio, accompagnata da un video realizzato dall’artista, quasi a certificare la sua centralità creativa all’interno dell’album.

Le brevi tentazioni disco delle percussioni di “Sugar Tots” (quasi un omaggio ad Arthur Russell) gli strappi ritmici e armonici su strutture ambient di “Jaija Uses Ancestral Spirit”, la straniante psichedelia quasi gothic di “Waukon” e il romanticismo travolgente di “Part B” offrono una serie infinita di riflessioni e suggestioni che non hanno il dono della lusinga, ma appagano lo spirito in una commistione di intimità e rivelazione che è il reale messaggio di Karen Gwyer.
“Needs Continuum” è un progetto stimolante e discreto, una perla la cui luce è naturale e priva di artifici: lasciatevi quindi catturare senza fretta.

(22/04/2013)



  • Tracklist
  1. Sugar Tots
  2. Lentil
  3. Pikku Kokki
  4. Night Nails
  5. Some Of my Favourite Lotions
  6. Trapezoid Weekly
  7. Waukon
  8. Jaija Uses Ancestral Spirit
  9. Part B


Karen Gwyer su OndaRock
Recensioni

KAREN GWYER

New Roof Ep

(2014 - No Pain In Pop)
Il primo compendio gotico-metafisico della nuova produttrice techno

Karen Gwyer on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.