Progetto MB

...A Bassa Quota

2013 (Tubogas) | experimental wave

Dietro questa anonima sigla Progetto MB si cela il nome di uno dei più singolari (nonché originali) musicisti indipendenti italiani, ovvero Marco Bucci, attivo da circa venti anni nel circuito indipendente italiano. Proveniente da Ostia (Roma), riuscì a pubblicare il suo primo disco ufficiale nel 2005 dopo una decina di uscite amatoriali, tra cassette e cd-r, grazie all'interessamento della Snowdonia. Il risultato fu "Contrappunti", che fungeva da "best of" di pezzi strumentali composti precedentemente, tratti dai vecchi demo e uniti insieme a mo' di collage. I responsi di critica furono unanimemente lusinghieri (a dispetto delle scarsissime vendite) e qualcuno scomodò addirittura lo spettro di Syd Barrett. Di certo è che Marco Bucci ha la particolarità di non calcare nessuno stile, ma di averne uno ben riconoscibile all'istante, rendendolo così unico e appartato nella scena musicale autoctona.

Egli passa tranquillamente da del cantautorato lo-fi alla Daniel Johnston alla psichedelia acida da sottoscala fino a certe tendenze new wave della prima ora a del folk stranito e straniante, il tutto realizzato in cameretta in perfetta solitudine, registrando i pochi strumenti su un quattro piste analogico e con poca dimestichezza tecnico-pratica. Insomma, un autentico artigiano della musica rock underground.

Il nuovo "A Bassa Quota" arriva dopo ben otto anni dall'album precedente e mostra un autore assai più maturo in fase di realizzazione. Forse Bucci ha imparato a usare meglio i propri mezzi, ma le caratteristiche fondamentali della sua arte sono rimaste intatte, basti ascoltare i suoni stridenti su una base di "musica discreta" (Brian Eno docet) di "In Partenza" e di "FCO" per rendersene conto.
In generale, lo stile si è fatto anche più contorto che in passato. Si vedano, in tal proposito, la marcetta alla Residents di "Trasporto Bagagli", i rumorismi astratti di "Morti Bianche" e la nenia sbilenca di "Dove Abiti?". La cupa e sinistra melodia con tanto di interferenze radio di "Intorno al Mondo" (ripresa da una vecchia cassetta) si contrappone alla serena atmosfera pastorale di "In Volo, Atterraggio, Stop!", ma lo spettro di stili non finisce qui, dato che trovano ancora posto un bozzetto acustico reiterato ("Torre di Controllo") e del progressive in pillole ("Prova Motori").

Questo nuovo disco forse non contribuirà a rendere più noto l'operato di Marco Bucci, dato che passerà inosservato tra il pubblico (ma di sicuro, non dalla critica più attenta), ma si consiglia un ascolto partecipe. Va inoltre ricordato che "A Bassa Quota" è ispirato all'aeroporto intercontinentale Leonardo Da Vinci di Roma, nel quale Marco Bucci ha lavorato proprio come manovale aeroportuale. Il disco è ovviamente dedicato quella categoria di lavoratori e operai. Avremo presto altre novità dalla Tubogas, gestita amatorialmente dallo stesso Bucci.

(22/02/2013)

  • Tracklist
  1. In partenza
  2. FCO
  3. Trasporto bagagli
  4. Torre di controllo
  5. Dove abiti? (andata e ritorno)
  6. Prova motori
  7. Morti bianche
  8. Intorno al mondo (Terminal C)
  9. In Volo, atterraggio, stop!




Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.