Samba Toure'

Albala

2013 (Glitterbeat) | mali's blues

Dati i trascorsi, nella fattispecie quel "Crocodile Blues" coccolato da molti addetti ai lavori nel 2011, si era in trepidante attesa del nuovo lavoro firmato Samba Touré. Un momento, non fatevi in primo luogo ingannare del nome: in questo "Albala" di samba non ce n'è nemmeno un accenno. Vogliamo specificarlo, e non ce ne vogliano gli appassionati di ballo tra di voi, visti i qui pro quo realmente letti su qualche forum particolarmente distratto. Niente paura: questo è un disco che non solo non delude, ma strega in maniera sublime, miscelando il blues alla musica etnica a vere propre nenie in loop che inebetiscono o catturano completamente a seconda del dove, come e quando. Pura ipnosi che, volendo fare un'iperbole, potrebbe ricordare uno Scott Walker africano (si senta in tal senso l'uso esasperato del sax in "Idjé Lalo").

Sempre di scrittura blues si tratta, ma Samba Touré forse non aveva mai composto canzoni così sghembe e notturne. Ovviamente, i più attenti, leggendo il cognome Touré non faranno fatica alcuna ad associarlo al nome di Ali Farka Touré, leggenario esponente del blues chitarristico del Mali che ha incendiato lo Stato al nord dell'Africa dal 1976 al 2006. Uno dei suoi 11 figli, Samba appunto, è stato per alcuni anni parte integrante della formazione di Ali Farka. Così, dopo la sua scomparsa, Toumani Diabaté, un altro mostro sacro della musica africana contemporanea, ha deciso di volerlo con sé per il suo personale Ali Farka Touré Variations tour. Ma la sua indole ribelle lo proiettava già altrove. Vivido esempio ne è lo stesso titolo del disco (albala vuol dire pericolo) o "Fondora" che ha versi tesi e in battaglia come "assassini, abbandonate le nostre strade".

Del resto, Samba non ha mai visto la sua vita come quella di un semplice esecutore o, peggio ancora, di un gregario. È sempre stato altrove. Già a 25 anni ha il suo gruppo, i Farafina Lolo, con il quale incide un paio di album. Quindi, dal 2003, all'età di 32 anni, inizia la sua avventura solista: sia come autore di cinque dischi che come partner di altrettanti progetti paralleli e colonne sonore. Questo "Albala", sesto capitolo della sua produzione, è forse il suo disco più "commestibile" per i palati occidentali (in "Bana", volendo, si possono trovare persino accenni di Laurie Anderson), a patto che ci siano ancora palati occidentali così curiosi da non lasciarsi sfuggire questa perla in seno a chi sa quale snobismo.
È un disco coraggioso e sicuramente politico ("Aye Sira Bila" critica il governo per la mancanza di uno sviluppo concreto del Mali per colpa della corruzione), che pretende meritoriamente la giusta attenzione. Con "Kinshasa Succursale" di Baloji, forse la dimostrazione che il Continente Nero ha ancora molto più da darci delle incursioni afro dei Vampire Weekend o degli Yeasayer - per quanto accattivanti possano essere.

(11/07/2013)

  • Tracklist
  1. Be Ki Don
  2. Fondora
  3. Ayé Go Mila
  4. Awn Bè Ye Kelenye
  5. Aye Sira Bila
  6. Albala
  7. Ago Djamba
  8. Al Barka
  9. Idjé Lalo
  10. Bana
Samba Toure' on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.